martedì 9 settembre 2014

Le perfezioni provvisorie - Gianrico Carofiglio


(Sellerio, 2010)

"Ha detto qualcuno che gli uomini si dividono nelle categorie degli intelligenti o dei cretini, e dei pigri o degli intraprendenti. Ci sono i cretini pigri, normalmente irrilevanti e innocui, e ci sono gli intelligenti ambiziosi, cui possono essere assegnati compiti importanti, anche se le più grandi imprese, in tutti i campi, vengono quasi sempre realizzate dagli intelligenti pigri. Una cosa però va tenuta a mente: la categoria più pericolosa, da cui ci si possono aspettare i più gravi disastri e da cui bisogna guardarsi con la massima circospezione, è quella dei cretini intraprendenti.
Schirani appartiene a quest'ultima categoria..."



Tra gli appassionanti romanzi di Carofiglio, ho scelto di presentare "Le perfezioni Provvisorie" proprio per il brano folgorante che cito qui sopra. Qualche Schirani lo conosciamo, purtroppo, tutti.
Il merito, alto, di Carofiglio consiste nella facilità di linguaggio, nella speditezza del racconto, nella semplicità con cui ci presenta le sue storie. E come diceva una vecchia insegnante: Le storie semplici sono le più complicate da scrivere. 

Gianrico Carofiglio, magistrato e scrittore - Bari 1961

5 commenti:

  1. Estremamente colto e raffinato, Gianrico Carofiglio ci consegna splendidi scritti, un piacere leggerlo, un dovere scorrere le pagine, un egoistico possesso dei suoi libri la conclusione, ovvia.

    RispondiElimina
  2. Carofiglio, competente e straordinariamente piacevole da leggere, non delude mai: i suoi romanzi, maturati dopo anni di effettivo lavoro in magistratura, colgono alla perfezione alcuni aspetti, a volte marginali nella trama, ma spettacolari nella descrizione, di emblematici casi processuali. Lo descrivono maestro del legal-thriller: banale definizione, insufficiente e spesso fuorviante. Io lo definirei piuttosto magistrale magistrato, in cui mai e poi mai l'umanità viene sopraffatta dalla sterile, e spesso deleteria, visione processuale. La sua opera che preferisco rimane Non esiste saggezza:
    " LA SAGGEZZA NON ESISTE,
    NON ESISTE VECCHIEZZA
    E FORSE
    NEMMENO LA MORTE."
    (cartolina che pure io ho messo nella tasca della memoria)

    RispondiElimina
  3. Nonostante avessero descritto su ibs i libri di Carofiglio come lettura estiva da ombrellone, qualche anno fa ho comprato questo e Testimone inconsapevole. Lettura estiva un corno! Ho scoperto un autore coi fiocchi, piacevole, elegante e con riferimenti letterari assolutamente stimolanti. Una gioia.

    RispondiElimina
  4. belli tutti, ottimo scrittore, piacevole, intelligente.

    RispondiElimina
  5. Un must di casa nostra, scoperto e saccheggiato. Capita a volte di storcere il naso davanti a eventi mediatici propagandati come culturalmente superiori alla media nazionale, ma stavolta il segno e' colpito.

    RispondiElimina