lunedì 26 dicembre 2011

La ballata del vecchio marinaio - Samuel Taylor Coleridge


(The Rime of the Ancient Mariner - 1798)

" Farewell, farewell! but this I tell
to thee, thou the wedding-Guest!
He prayeth well, who loveth well
both man and bird and beast.
He prayeth best, who loveth best
all things both great and small;
for the dear God who loveth us, 
he made and loveth all."

Addio, Addio! Ma questo tieni  a mente, tu, invitato alla festa! Prega bene chi ama bene
sia l'uomo, che l'uccello, che la bestia. Meglio prega chi ama meglio tutte le cose, grandi e piccole, perché quel Dio misericordioso che ci ama, le ha create e le ama tutte.



Samuel Taylor Coleridge (England 1772-1834)

La malaugurata uccisione dell'albatros diventa un incubo passivo. Il marinaio, soggiogato dalla maledizione che legge negli sguardi vitrei dei compagni morti,  non è più padrone dei propri pensieri, ma diventa un attore agitato da mani invisibili. Dopo avere letto questa ballata, non si può restare gli stessi.


"God save thee, ancient Mariner!
from the fiends, that plague thee thus!-
Why look'st thou so?" - "Whit my cross-bow
I shot the Albatross."

"Che Dio ti salvi, vecchio Marinaio!
dai demoni che tanto ti tormentano!-
Perché guardi così?" - "Con la balestra
io stesi morto l'Albatros"

8 commenti:

  1. Caspita, passiamo ai grossi calibri. Coleridge e Wordsworth sono due mie passioni, romantici, apparentemente superficiali, ma quante sensazioni perfette risveglia questa semplicità.

    RispondiElimina
  2. ‎"Water, water everywhere and
    all the boards did shrink
    Water, water everywhere nor any drop to drink"
    Iron Maiden - Rime Of The Ancient Mariner

    Vali

    RispondiElimina
  3. ‎...and the albatross begin to be avenged.

    RispondiElimina
  4. invidio chi si può permettere di leggere i libri in lingua originale, soprattutto le poesie. Per questo ogni libro in inglese che hai messo diventa un oscuro oggetto del desiderio. Avrei voluto trovare una battuta da aggiungere, e invece posso dire solo: ci provo. Stef

    RispondiElimina
  5. Domenica Sunday09/02/12, 12:20

    Io leggo in italiano e poi in inglese, almeno ci provo! Invidio chi fa le battute appropriate, e su quest'opera avrei problemi, ma sto allargando i miei confini, ancora un po' e sono pronta per Shakespeare

    RispondiElimina
  6. Sa di prezioso davvero, da leggere con piacere.

    RispondiElimina
  7. "Benché sia stato ritenuto ingiusto da molti lettori, Coleridge aveva immaginativamente ragione quando lascia morire tutti i compagni del Vecchio Marinaio. Quest'ultimo ha peccato uccidendo l'Albatro, ma il peccato è un atto personale a causa del quale egli può soffrire, e di cui può pentirsi. Il resto dell'equipaggio reagisce collettivamente come una folla, e non in modo individuale. Prima lo biasimano perché pensano che abbia ucciso l'uccello che faceva soffiare la brezza, poi lo lodano per aver ucciso l'uccello che portava la foschia e la nebbia, e infine durante la bonaccia gli si ritorcono di nuovo contro e gli appendono l'albatro al collo. Essi sono dunque una folla irresponsabile, e poiché in quanto tali non prendono parte al pentimento personale del Marinaio, per liberarsene bisognava farli morire."

    da "Gli irati flutti" di Wystan Hugh Auden

    RispondiElimina
  8. Un bel poema. Avendo letto le Lyrical Ballads, difficile fu separare Coleridge da Wordsworth. Poi è emersa la differenza sostanziale tra i due poeti, opposta e complementare. La magia sovrannaturale di Coleridge ci emoziona e ci riempie di dubbi; la natura romantica di Wordsworth ci placa e ci riconcilia con la vita.

    RispondiElimina