mercoledì 5 settembre 2012

The Lady of Shalott - Lord Alfred Tennyson




                                                      (The lady of Shalott - 1832)


La leggenda narra di una ragazza, Elaine di Astolat, che viveva in una torre sull’isola di Shalott, lungo un fiume nei pressi di Camelot, il regno del Re Artù. Passava le giornate tessendo quel che vedeva attraverso uno specchio, non potendo guardare direttamente Camelot perché una maledizione l'avrebbe fatta morire. Ma un giorno, attraverso lo specchio, vide Lancillotto e se ne innamorò. Stanca della maledizione che la teneva isolata dal mondo, si voltò a guardare il cavaliere. Poi, salì su una barca e morì, mentre la corrente la portava fino a Camelot.
Ecco il testo completo del poema, e la sua traduzione.

On either side the river lie 
Long fields of barley and of rye, 
That clothe the wold and meet the sky; 
And through the field the road run by 
To many-tower'd Camelot; 
And up and down the people go, 
Gazing where the lilies blow 
Round an island there below, 
The island of Shalott.

Willows whiten, aspens quiver, 
Little breezes dusk and shiver 
Through the wave that runs for ever 
By the island in the river 
Flowing down to Camelot. 
Four grey walls, and four grey towers, 
Overlook a space of flowers, 
And the silent isle imbowers 
The Lady of Shalott.

By the margin, willow veil'd,
Slide the heavy barges trail'd 
By slow horses; and unhail'd 
The shallop flitteth silken-sail'd
Skimming down to Camelot: 
But who hath seen her wave her hand? 
Or at the casement seen her stand? 
Or is she known in all the land, 
The Lady of Shalott?


...The shallop flitteth silken-sail'd....
  John William Waterhouse - The lady of Shalott 1900

Only reapers, reaping early, 
In among the bearded barley 
Hear a song that echoes cheerly 
From the river winding clearly; 
Down to tower'd Camelot; 
And by the moon the reaper weary, 
Piling sheaves in uplands airy, 
Listening, whispers, " 'Tis the fairy 
The Lady of Shalott."

There she weaves by night and day 
A magic web with colours gay. 
She has heard a whisper say, 
A curse is on her if she stay 
To look down to Camelot. 
She knows not what the curse may be, 
And so she weaveth steadily, 
And little other care hath she, 
The Lady of Shalott.


...There she weaves by night and day...
  Sidney Harold Meteyard  - The Lady of Shalott

And moving through a mirror clear 
That hangs before her all the year, 
Shadows of the world appear. 
There she sees the highway near 
Winding down to Camelot; 
There the river eddy whirls, 
And there the surly village churls, 
And the red cloaks of market girls 
Pass onward from Shalott.

Sometimes a troop of damsels glad, 
An abbot on an ambling pad, 
Sometimes a curly shepherd lad, 
Or long-hair'd page in crimson clad 
Goes by to tower'd Camelot; 
And sometimes through the mirror blue 
The knights come riding two and two. 
She hath no loyal Knight and true, 
The Lady of Shalott.

But in her web she still delights 
To weave the mirror's magic sights, 
For often through the silent nights 
A funeral, with plumes and lights 
And music, went to Camelot; 
Or when the Moon was overhead, 
Came two young lovers lately wed. 
"I am half sick of shadows," said 
The Lady of Shalott.



...I am half  sick of shadows,.
   John William Waterhouse - The lady of Shalott 1916



A bow-shot from her bower-eaves, 
He rode between the barley sheaves, 
The sun came dazzling thro' the leaves, 
And flamed upon the brazen greaves     
Of bold Sir Lancelot. 
A red-cross knight for ever kneel'd 
To a lady in his shield, 
That sparkled on the yellow field, 
Beside remote Shalott.

The gemmy bridle glitter'd free, 
Like to some branch of stars we see 
Hung in the golden Galaxy. 
The bridle bells rang merrily 
As he rode down to Camelot: 
And from his blazon'd baldric slung 
A mighty silver bugle hung, 
And as he rode his armor rung 
Beside remote Shalott.

All in the blue unclouded weather 
Thick-jewell'd shone the saddle-leather, 
The helmet and the helmet-feather 
Burn'd like one burning flame together, 
As he rode down to Camelot. 
As often thro' the purple night, 
Below the starry clusters bright, 
Some bearded meteor, burning bright, 
Moves over still Shalott.

His broad clear brow in sunlight glow'd; 
On burnish'd hooves his war-horse trode; 
From underneath his helmet flow'd 
His coal-black curls as on he rode, 
As he rode down to Camelot. 
From the bank and from the river 
He flashed into the crystal mirror, 
"Tirra lirra," by the river 
Sang Sir Lancelot.

She left the web, she left the loom, 
She made three paces through the room, 
She saw the water-lily bloom, 
She saw the helmet and the plume, 
She look'd down to Camelot. 
Out flew the web and floated wide; 
The mirror crack'd from side to side; 
"The curse is come upon me," cried 
The Lady of Shalott.


...She left the web, she left the loom...
   John William Waterhouse - The lady of Shalott 1894

In the stormy east-wind straining, 
The pale yellow woods were waning, 
The broad stream in his banks complaining. 
Heavily the low sky raining 
Over tower'd Camelot; 
Down she came and found a boat 
Beneath a willow left afloat, 
And around about the prow she wrote 
The Lady of Shalott.

And down the river's dim expanse 
Like some bold seer in a trance, 
Seeing all his own mischance -- 
With a glassy countenance 
Did she look to Camelot. 
And at the closing of the day 
She loosed the chain, and down she lay; 
The broad stream bore her far away, 
The Lady of Shalott.

Lying, robed in snowy white 
That loosely flew to left and right -- 
The leaves upon her falling light -- 
Thro' the noises of the night, 
She floated down to Camelot: 
And as the boat-head wound along 
The willowy hills and fields among, 
They heard her singing her last song, 
The Lady of Shalott.


...Lying, robed in snowy white...
   John William Waterhouse - The lady of Shalott 1888

Heard a carol, mournful, holy, 
Chanted loudly, chanted lowly, 
Till her blood was frozen slowly, 
And her eyes were darkened wholly, 
Turn'd to tower'd Camelot. 
For ere she reach'd upon the tide 
The first house by the water-side, 
Singing in her song she died, 
The Lady of Shalott.


...singing her song she died...
 John Atkinson Grimshaw - The Lady of Shalott

Under tower and balcony, 
By garden-wall and gallery, 
A gleaming shape she floated by, 
Dead-pale between the houses high, 
Silent into Camelot. 
Out upon the wharfs they came, 
Knight and Burgher, Lord and Dame, 
And around the prow they read her name, 
The Lady of Shalott.

Who is this? And what is here? 
And in the lighted palace near 
Died the sound of royal cheer; 
And they crossed themselves for fear, 
All the Knights at Camelot; 
But Lancelot mused a little space 
He said, "She has a lovely face; 
God in his mercy lend her grace, 
The Lady of Shalott."


... Who is this? And what is here?...
Arthur Hughes. The Lady of Shalott. 1873. 
                                     
Lungo entrambe le rive del fiume si stendono
vasti campi di orzo e segale
che rivestono la brughiera fino a incontrare il cielo;
e attraverso i campi corre la strada
verso la turrita Camelot;
e la gente va e viene,
guardando dove i gigli sbocciano
attorno all’isola, lì sotto,
l’Isola di Shalott.
Salici impalliditi, pioppi tremuli,
lievi brezze si oscurano e fremono
nella corrente che scorre perpetua
intorno all’isola nel fiume,
fluendo verso Camelot.
Quattro mura grigie, quattro torri grigie
sovrastano un prato di fiori,
e l’isola silenziosa dimora
la Signora di Shalott.
Presso le rive dai salici velate
Scorrono chiatte pesanti trainate
Da bestie lente mentre a vele issate
Fende uno scafo le onde increspate
Veloce verso Camelot
Ma chi vide mai un suo cenno di mano?
O della finestra stagliarsi nel vano
Chi conosce il destino arcano
 Della Signora di Shalott?

Solo i mietitori, falciando mattinieri,
nell’orzo barbuto
odono una canzone che echeggia lietamente
dal fiume che limpido si snoda,
verso la turrita Camelot.
E sotto la luna lo stanco mietitore,
ammucchiando covoni sull’arioso altipiano,
ascoltando sussurra «È la maga»
la Signora di Shalott.
Lì intesse giorno e notte
una magica tela dai colori vivaci.
Ed aveva sentito una voce secondo cui
una maledizione l’avrebbe colpita
se avesse guardato verso Camelot.
Non sapeva quale fosse la maledizione.
E così tesseva assiduamente,
ed altre preoccupazioni non aveva,
la Signora di Shalott.
E muovendosi attraverso uno specchio limpido
appeso di fronte a lei tutto l’anno,
ombre del mondo appaiono.
Lì vede la vicina strada maestra
snodarsi verso Camelot;
Lei non conosce altra sorte
Se non di tessere fino alla morte
 E altro non accade alla corte
 Della Signora di Shalott


Ombre dai riflessi chiari vanno,
Nello specchio appeso, tutto l’anno
Ombre fugaci che di vita sanno
Lungo la strada da cui arriveranno
Le genti di Camelot.
Si torce in mulinelli la corrente
Passano i giovani dalle spalle spente
E le ragazze dalla voce ardente
Vanno verso Camelot

A volte damigelle tintinnanti,
O un monaco in comunione con i santi
A volte un pastorello dai riccioli grondanti
E giovani paggi in livree rutilanti
Passano andando a Camelot
ed a volte attraverso lo specchio azzurro
i Cavalieri giungono cavalcando a due a due
lei non ha alcun Cavaliere leale e fedele,
la Signora di Shalott.

Ma con la tela ancor si diletta
ad intessere le magiche immagini dello specchio,
perché spesso attraverso le notti silenti
un funerale con pennacchi e luci
e musica andava a Camelot;
o quando la luna era alta,
venivano due innamorati sposati di recente.
«Mi sto stancando delle ombre» disse
la Signora di Shalott.
A un tiro d’arco dal cornicione della sua dimora,
lui cavalcò fra i mannelli d’orzo.
Il sole giunse abbagliante fra le foglie,
e splendente sui gambali di ottone
del coraggioso Sir Lancelot.
Un cavaliere con la croce rossa perpetuamente inginocchiato
ad una dama nel suo scudo,
che scintillò sul campo giallo,
presso la remota Shalott.
Brilla al sole il finimento Come una stella del firmamento
Risuonano di limpido accento
Sulle briglie campane d’argento
Mentre cavalca verso Camelot
E scende dall’imbrago stemmato
potente un corno argentato
risuona l’armatura al passo ritmato
Presso la remota Shalott


Il cielo terso, l’aria silente
Di gemme spesse la sella lucente
Sull’elmo il pennacchio fremente
brucia come brace ardente
Cavalcando verso Camelot
E mentre in cielo si danno convegno
Crocchi di stelle in antico disegno
Va nella notte il fulgido segno
Di una meteora su Shalott

La sua fronte ampia e chiara scintillò al sole;
con zoccoli bruniti il suo cavallo passava;
da sotto il suo elmo fluirono, mentre cavalcava,
i suoi riccioli neri come il carbone,
Mentre cavalcava verso Camelot.
Dalla riva e dal fiume
egli brillò nello specchio di cristallo,
“Tirra lirra” presso il fiume
cantò Sir Lancelot.



Lasciò la tela, lasciò il telaio,
fece tre passi nella stanza,
vide le ninfee in fiore,
vide l’elmo ed il pennacchio,
e guardò verso Camelot.
La tela volò via fluttuando spiegata;
lo specchio si spezzò da cima a fondo
«La maledizione mi ha colta» urlò
la Signora di Shalott.
Nel tempestoso vento dell’est che sferzava,
i boschi giallo pallido si indebolivano
l’ampio fiume nei suoi argini si lamentava.
Dal cielo basso la pioggia scrosciava
sopra la turrita Camelot;
lei discese e trovò una barca
galleggiante presso un salice,
e intorno alla prua scrisse
la Signora di Shalott.
Ed oltre la pallida estensione del fiume
come un’audace veggente in estasi,
che contempli tutta la propria mala sorte -
con una espressione vitrea
guardò verso Camelot.
E sul finir del giorno
mollò gli ormeggi, e si distese:
l’ampio fiume la portò assai lontano,
la Signora di Shalott.

Giace, le vesti di candida neve,
Che il vento agita di un tremito breve
Cadono le foglie sull’acqua greve
Canta la notte un sussurro lieve
Scendendo verso Camelot
E mentre la barca solca le onde
Tra salici e campi lungo le sponde
S’ode il canto che i sensi confonde
Della signora di Shalott


Si udì un inno triste, sacro
cantato forte, cantato sommessamente
finché il suo sangue si freddò, lentamente
ed i suoi occhi furono oscurati completamente,
volti alla turrita Camelot.
Prima che, portata dalla corrente,
raggiungesse la prima casa lungo l’argine
canticchiando il proprio canto morì
la Signora di Shalott.


Sotto la torre ed il balcone
vicino il muro del giardino e la loggia
lei galleggiò, figura splendente
di un pallor mortale, tra le case alte
silente dentro Camelot.
Vennero sulla banchina
il cavaliere, il cittadino, il Signore e la Dama
e intorno alla prua lessero il suo nome
La Signora di Shalott.
Chi è? Che c’è qui?
Nel vicino palazzo illuminato
si spensero i regali applausi
e, per la paura, si segnarono
tutti i cavalieri di Camelot.
Ma Lancillotto rifletté per un po’
E disse «Ha un bel viso;
Dio nella sua misericordia le conceda la pace
la Signora di Shalott».



                                         

                                        Lord Alfred Tennyson (England 1809-1892)


40 commenti:

  1. Bella cosa!!!! Me la sono letta -pardon- nella traduzione, ammiro le leggende e questa mi riempie di tristezza ma anche di gioia per averla sottomano!!!!

    RispondiElimina
  2. Meglio un giorno di luce abbagliante che cent'anni nelle tenebre... Amore impossibile forse, ma certamente rovinoso... bella leggenda, bei versi e belle immagini, di cui l'ultima è famosissima e strepitosa

    RispondiElimina
  3. Bellissima leggenda, un po' triste, ma avvincente. Indimenticabile quadro di Waterhouse, a diritto uno dei più emozionanti! Questa è una storia che tutti possono godersi senza cercare tante interpretazioni, perchè ce n'è solo una: L'amore va vissuto costi quel che costi! Ciao a tutti

    RispondiElimina
  4. Hai fatto bene a mettere alcuni quadri di Waterhouse, che è legato indissolubimente a questa Lady triste e coraggiosa. Non sapendo cos'è il Tirra Lirra mi sono informata: è un nonsense da cantilena, tipo il nostro trallalà. Lancillotto evidentemente è di buon umore, ignaro di quanto sta succedendo vicino. Anche la pietà che prova alla fine per la bella ragazza morta è la stessa che si prova per gli sconosciuti.

    RispondiElimina
  5. Un po' fiaba, un po' leggenda. Molta poesia, molta tragedia. Bella, bellissima! Grazie per il testo completo e per la traduzione, normalmente questi poemi vengono offesi da tagli arbitrari e senza senso.

    RispondiElimina
  6. L'opera è di tipo rappresentativo del dilemma che si presenta per lo più ad artisti,scrittori e musicisti: creare uno specchio,un filtro attraverso cui controllare il Mondo oppure godere del Mondo semplicemente vivendolo
    La donna del Poema di Tennyson vive in una torre sull'isola di Shalott nei pressi di Camelot,è vittima di una maledizione :è destinata a morire non appena guarderà verso Camelot: per cui si serve di uno specchio per guardare all'esterno e tesse tutto ciò che vede in una tela magica.Sebbene sia tentata di osservare la vita reale che si svolge fuori dalla sua finestra,sa bene che se lo facesse andrebbe incontro a morte certa.Un giorno,tuttavia,vedendo Lancillotto di cui si innamorata all'istante,attraverso il suo specchio,comprende di essere stanca di un'esistenza destinata a guardare il Mondo solo attraverso ombre e riflessi e soccombe alla tentazioine ,guarda direttamente fuori Lancillotto che cavalca sotto la torre ed i suoi occhi si poggiano su Camelot.
    Comprende che ormai il suo destino è segnato,lascia la torre,trova una barca a cui darà il suo nome e si lascia trasportare dolcemente cantando una triste canzone mentre si spegne lentamente

    RispondiElimina
  7. Quante versioni di questa leggenda! Forse è anche una storia vera, almeno in parte, che Tennyson ha romanticamente aggiustato. Ma i versi rimangono, e a noi arriva ancora quest'immagine, di Elaine (si chiamava così) sulla barca in attesa della morte sul fiume Avon. Sembra che la maledizione che la teneva confinata provenisse
    addirittura dalla fata Morgana, sorella-amante di Artù, che aveva avuto in sogno la visione del matrimonio tra Lancelot ed Elaine. Ciò avrebbe significato la salvezza del matrimonio tra Ginevra e Artù, e che quindi la successione al trono sarebbe diventata a rischio per lei, e per il figlio incestuoso avuto dal fratello. Fremente di rabbia, aveva maledetto la madre incinta della ragazza, dicendole che se sua figlia avesse osato alzare gli occhi su Camelot o se avesse osato uscire dalla torre, la ragazza sarebbe morta atrocemente. E così Elaine rimase confinata nella torre per 22 anni, finché.... ma il resto della storia è nota.

    RispondiElimina
  8. I Preraffaeliti, i poeti romantici! Quanta bellezza in un mondo così triste!

    RispondiElimina
  9. Mariateresa07/09/12, 14:56

    A causa di una maledizione Elaine guarda la sua vita scorrere attraverso uno specchio ,poi al passare del cavaliere Lancillotto , avverte la stanchezza di una vita che non le piace più:guarda l'uomo di cui si è innamnorata all'istante,scegliendo la morte ad una vita senza amore.
    Finchè lo scopo era stato quello di esistere vivendo all'ombra di una non-vita , riusciva ad accontentarsi, ma allorquando nel suo cuore si è insinuato il sentimento dell'amore,diventa impossibile accettare l'esilio,rinunciando a sensazioni,emozioni cosi necessarie per l'animo umano.L'amore è fondamentale nella vita,è linfa per ogni cuore,è certezza e pulsazione,nutre,riempie,sazia e muove ogni corda,è desiderio dell'animo ma anche della mente,è l'unico sentimento che riesce ad abbattere ogni muro,ogni differenza ,a squarciare veli, a rimuovere ombre.Finchè non si conosce e,non è detto che lo si incontri,non si può comprenderne la vera essenza:
    Elaine ha scelto di morire o meglio ha scelto di vivere anche solo per pochi istanti la realtà dell'amore,infatti non avrebbe più potuto osservare la vita dalla finestra,adesso che amava non era più possibile.

    RispondiElimina
  10. Nel suo album The Visit (1991), Loreena McKennitt traduce in musica la ballata di Tennyson. Sembra che la canzone utilizzi una melodia presa dall'assolo finale di cornamuse di It's a Long Way to the Top (If You Wanna Rock 'n' Roll) degli AC/DC.

    RispondiElimina
  11. Stravolgendola completamente, Tennyson si ispirò ad una leggenda, in cui si narra che Lancillotto, dopo aver fallito la ricerca del Graal, fa ritorno a Camelot. Artù indice un torneo nelle terre di Astolat, (che Malory identifica con Guildford). Lancillotto vi si reca in incognito e, per non destare sospetti alloggiando in casa con Ginevra, va a soggiornare presso il barone Bernard, la cui figlia Elaine si innamora del cavaliere. Durante il torneo, Lancillotto indossa l'armatura di Tirre, il figlio del barone, e i colori di Elaine, un manicotto rosso ricamato con perle, ma viene gravemente ferito da un colpo di lancia che gli perfora il fegato. Tornato nella dimora del barone, viene accudito da Elaine. Lei alla fine gli rivela il suo amore, ma lui la rifiuta. Devastata, muore di crepacuore e, seguendo le sue istruzioni, la sua famiglia la depone in una barca lasciata andare alla deriva lungo il Tamigi. Il cadavere della ragazza viene ritrovato proprio da Artù e Ginevra, che si infuria quando legge che Elaine è morta vergine. Lancillotto, pieno di sensi di colpa, dà ad Elaine una sepoltura sontuosa.

    RispondiElimina
  12. Che spettacolo, questo è un capolavoro di stile e bellezza! La storia forse è un po' triste, come tutte le leggende, ma la preziosità dei versi, e l'emozione dei quadri preraffaelliti mi hanno colpito profondamente. La storia poi delle varie leggende è appassionante. Se permetti lo condivido, Tennyson è il poeta romantico che conoscevo meno, ed è veramente una gioia dimenticata leggerlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pienamente d'accordo con Alud sulla meraviglia di queste immagini che impreziosiscono il racconto e che fanno di questa lettura una gioia anche per gli occhi:Complimenti a Rosarita
      per il suo impegno.

      Elimina
  13. Complimenti per la piacevolezza della scheda. Aggiungo solo che, come per Keats e per gli altri poeti romantici, la morte viene considerata come la coronazione della giovinezza, un'apoteosi finale di bellezza intoccabile ed incorruttibile a cui tutti si devono inchinare.

    RispondiElimina
  14. Sono abbagliata da questa bellezza, complimenti per la scelta e l'assemblaggio: è perfetto e piacevole. Qualcosa di prezioso!

    RispondiElimina
  15. vi ho raggiunto cercando le immagini della Lady of Shalott e non mi aspettavo di trovare questo blog lussuoso. Complimenti e perdonerete se ne rubo un po', un bel po'! Ale

    RispondiElimina
  16. Complimenti per questa pagina bellissima!

    RispondiElimina
  17. Riccardo 4a liceo28/10/12, 18:38

    Traduzione, versione originale, qui c'è tutta! Grazie moltissime, alle altre che ho trovato su google mancano sempre delle strofe, e vatti a capire perchè!! E belle anche le foto dei quadri

    RispondiElimina
  18. John William Waterhouse's The Lady of Shalott, 1888 (Tate Gallery, London).

    This is one of Waterhouse's most famous paintings. A study of Elaine of Astolat, who dies of grief when Lancelot will not love her.

    The Lady of Shalott is a Victorian poem by the English poet Alfred, Lord Tennyson. The Lady of Shalott floats down the Shalott, chanting a "a carol, mournful, holy," dying as she sings.

    RispondiElimina
  19. bellissimo lavoro complimenti

    RispondiElimina
  20. vi faccio anch'io i complimenti, questo lavoro collettivo è bellissimo

    RispondiElimina
  21. I was suggested this blog by way of my cousin. I'm no longer sure whether this put up is written by means of him as no one else understand such special about my trouble. You are wonderful! Thanks!

    RispondiElimina
  22. Thanks for a marvelous posting! I definitely enjoyed reading it, you might be a great author. I will always bookmark your blog and will often come back down the road. I want to encourage yourself to continue your great work, have a nice evening!

    RispondiElimina
  23. Strepitoso lavoro collettivo, i miei sinceri complimenti, e poi dicono che sul web c'è tutto - non è vero, c'è di più.

    RispondiElimina
  24. Charlotte Olympia06/04/14, 18:15

    This design is wicked! You certainly know how to keep a reader amused. Between your wit and your videos, I was almost moved to start my own blog (well, almost...HaHa!) Wonderful job. I really loved what you had to say, and more than that, how you presented it. Too cool! Charlotte Olympia

    RispondiElimina
  25. Suddenly Liza19/04/14, 16:53

    What i do not realize is in fact how you're no longer really a lot more neatly-favored than you might be now. You are so intelligent. You already know thus significantly in the case of this matter, produced me in my opinion consider it from numerous numerous angles.

    RispondiElimina
  26. Very nice post. I just stumbled upon your blog and wished to mention that I've truly loved surfing around your blog posts. After all I will be subscribing on your feed and I'm hoping you write again soon!

    RispondiElimina
  27. london seo24/07/14, 05:22

    You need to take part in a contest for one of the finest blogs on the web. I will highly recommend this website!

    RispondiElimina

  28. Its like you read my mind! You seem to know a lot about this, like you wrote the book in it or something. I think that you could do with a few pics to drive the message home a bit, but other than that, this is magnificent blog. A fantastic read. I will certainly be back.

    RispondiElimina
  29. Oklahoma City A.26/07/14, 07:28

    Simply desire to say your article is as amazing. The clarity in your post is simply excellent and i can assume you are an expert on this subject. Well with your permission let me to grab your feed to keep up to date with forthcoming post. Thanks a million and please keep up the enjoyable work.

    RispondiElimina
  30. This design is steller! You obviously know how to keep a reader entertained. Between your wit and your videos, I was almost moved to start my own blog (well, almost...HaHa!) Excellent job. I really loved what you had to say, and more than that, how you presented it. Too cool!

    RispondiElimina

  31. Woah! I'm really digging the template/theme of this blog. It's simple, yet effective. A lot of times it's very hard to get that "perfect balance" between superb usability and visual appeal. I must say you have done a fantastic job with this. Additionally, the blog loads very quick for me on Chrome. Excellent Blog!

    RispondiElimina
  32. Greetings from Colorado! I'm bored at work so I decided to check out your site on my iphone during lunch break. I really like the info you provide here and can't wait to take a look when I get home. I'm surprised at how quick your blog loaded on my cell phone .. I'm not even using WIFI, just 3G .. Anyhow, good site!

    RispondiElimina
  33. spettacolo!!! complimenti per il lavoro meraviglioso a tutti

    RispondiElimina
  34. CJL Sacramento26/08/14, 17:05

    I loved as much as you'll receive carried out right here. The sketch is tasteful, your authored subject matter stylish. nonetheless, you command get bought an impatience over that you wish be delivering the following. unwell unquestionably come more formerly again as exactly the same nearly a lot often inside case you shield this hike.

    RispondiElimina
  35. Wood Fence28/08/14, 10:44

    Wonderful goods from you, man. I have be aware your stuff previous to and you're simply too wonderful. I really like what you have obtained right here, certainly like what you are saying and the way in which wherein you say it. You are making it enjoyable and you continue to take care of to keep it wise. I can't wait to read far more from you. This is actually a wonderful site.

    RispondiElimina
  36. Keep on writing, great job!

    RispondiElimina
  37. Thanks very interesting blog!

    RispondiElimina
  38. Hi there, all is going nicely here and ofcourse every one is sharing data, that's really good, keep up writing.

    RispondiElimina