martedì 13 novembre 2012

Sulla Strada - Jack Kerouac


(On the Road - 1957)

Mi trovavo a metà strada attraverso l'America, alla linea divisoria fra l'Est della mia giovinezza e l'Ovest del mio futuro, ed è forse per questo che ciò accadde proprio lì e in quel momento, in quello strano pomeriggio rosso.


Un mito di libertà senza tempo, dice in copertina il mio vecchio, vecchissimo libro (è del 1959), ereditato e vissuto come merita abbondantemente. Il manifesto della Beat Generation, aggiungo. La storia è arcinota: Sal Paradise, ovviamente l'autore, viaggia attraverso Stati Uniti e Messico assieme ad un amico. Autostop, autobus e auto, non per arrivare da qualche parte, ma solo per viaggiare, in assoluta libertà. Lo stile narrativo è altrettanto libero, spontaneo ed efficace. Mi piace associarlo ad un film, che non ha nulla da spartire con questo romanzo, tranne questa sensazione emozionante di libertà: Into the Wild, di Sean Penn.


Jack Kerouac - Usa 1922-1969

19 commenti:

  1. « Dobbiamo andare e non fermarci finché non siamo arrivati»
    «Dove andiamo?»
    «Non lo so, ma dobbiamo andare». »

    RispondiElimina
  2. Sì, viaggiare... quando la meta non conta, assorbendo l'energia direttamente dall'adrenalina, sperimentando di tutto e vivendo intensamente ogni istante. Il viaggio che tutti abbiamo sognato di fare, e qualcuno c'è pure riuscito. Bello, imperdibile, emozionante. Oggi non scandalizza più nessuno, ammesso che abbia scandalizzato davvero qualcuno.

    RispondiElimina
  3. Mi permetto di aggiungere un altro film associabile: il fantastico Easy Rider di Dennis Hopper del '69

    RispondiElimina
  4. Bello, bellissimo! Complimenti per la scelta!

    RispondiElimina
  5. Bello! Avrei voluto scriverlo io, mi appartiene in tutto. E poi è facile da leggere, lo consiglio a quelli come me che non leggono moltissimo, bisogna leggerlo. Stef

    RispondiElimina
  6. "Casa a Missoul,
    Casa a Truckee,
    Casa a Opelousas,
    Non c'è casa per me.
    Casa nella vecchia Medora,
    Casa a Wounded Knee,
    Casa a Ogallala,
    Mai ci sarà una casa per me..."

    Questo romanzo mi ha insegnato la geografia. Alternativa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la città è Missoula, Marianna!

      Elimina
  7. eh, a me molto di più! Fantastico libro.

    RispondiElimina
  8. Nascono così i miti: quando qualcuno riesce a descrivere il sogno che tutti abbiamo fatto e che non abbiamo poi realizzato. Quando qualcuno entra nella nostra pelle e ci porta a vivere un'esperienza estrema: e non ci siamo spostati nemmeno un centimetro dalla poltrona.

    RispondiElimina
  9. "Tutti i mozziconi di sigarette, le bottiglie, le scatole di fiammiferi, il vecchio e il nuovo furono scopati in questo mucchio. Se ci avessero messo anche me, Dean non mi avrebbe rivisto mai più. Gli sarebbe toccato errare per tutti gli Stati Uniti e guardare in ogni bidone dell'immondezza da costa a costa prima di trovarmi avvoltolato come un embrione in mezzo ai rifiuti della mia vita, della sua, e di quella di tutti gli interessati e i non interessati. Cosa gli avrei detto da quell'utero immondo? "Non seccarmi, amico, sono felice dove mi trovo."
    E'curioso osservare come cambia di poco la visione della vita di tre scrittori americani: Hemingway, Kerouac e Bukowski in ordine cronologico. L'unica differenza che ci trovo io sono le dosi, in ordine, di: indifferenza, ottimismo e pessimismo.

    RispondiElimina
  10. On the road "la strada che emancipa,che riscatta,che purifica,"l'importante è andare"
    Storia di un viaggio, nel quale ciò che importa non è arrivare, ma muoversi indefinitamente nella speranza di esorcizzare un'ansia e un male di vivere crescente, in barba ad altre vie di di fuga come l'alcol, la marijuana, la benzedrina.
    Storia di un universo giovanile fragile e dissoluto dove aleggia perenne l'ombra della morte.
    Infine storia di un'amicizia forte,coinvolgente,distruttrice, dove uno è attratto irresistibilmente dall'altro e questi (jack)troppo infelice ed insicuro per essere libero come in effetti avrebbe voluto
    « Un figlio del West e del sole, Dean. Nonostante la zia mi avesse avvertito che mi avrebbe messo nei guai, sentivo una nuova voce che mi chiamava e vedevo un nuovo orizzonte, e ci credevo, giovane com'ero; e che importanza poteva avere qualche piccolo guaio, o che Dean mi rifiutasse alla fine, come infatti sarebbe successo, su marciapiedi di fame e letti di malattia - che importanza poteva avere? Ero un giovane scrittore e volevo andare lontano »

    RispondiElimina
  11. Qual è la tua strada amico?... la strada del santo, la strada del pazzo, la strada dell'arcobaleno, la strada dell'imbecille, qualsiasi strada. È una strada in tutte le direzioni per tutti gli uomini in tutti i modi.

    Jack Kerouack

    RispondiElimina
  12. «Le nostre valigie logore stavano di nuovo ammucchiate sul marciapiede; avevamo altro e più lungo cammino da percorrere ma non importa, la strada è vita»

    Jack Kerouac, “On the road”

    RispondiElimina
  13. ‎"Per me l'unica gente possibile sono i pazzi, quelli che sono pazzi di vita, pazzi per parlare, pazzi per essere salvati, vogliosi d'ogni cosa allo stesso tempo, quelli che mai sbadigliano o dicono un luogo comune, ma bruciano, bruciano, bruciano come favolosi fuochi artificiali che esplodono tra le stelle e nel mezzo si vede la luce azzurra dello scoppio centrale e tutti fanno oh!"
    (Jack Kerouac)

    RispondiElimina
  14. "Che cos'è quella sensazione quando ci si allontana dalle persone e loro restano indietro sulla pianura finché le si vede appena come macchioline che si disperdono? .. E' il mondo troppo vasto che ci sovrasta, ed è l'addio.
    Ma noi puntiamo avanti verso la prossima avventura sotto i cieli".

    Jack Kerouac, "Sulla strada"

    RispondiElimina
  15. A me piacciono troppe cose e io mi ritrovo sempre confuso e impegolato a correre da una stella cadente all'altra finché non precipito. Questa è la notte e quel che ti combina. Non avevo niente da offrire a nessuno eccetto la mia stessa confusione.

    Jack Kerouac, Sulla strada

    RispondiElimina
  16. "Perché per me l'unica gente possibile sono i pazzi, quelli che sono pazzi
    di vita, pazzi per parlare, pazzi per essere salvati, vogliosi di ogni cosa allo
    stesso tempo, quelli che mai sbadigliano o dicono un luogo comune, ma
    bruciano, bruciano, bruciano, come favolosi fuochi artificiali color giallo che
    esplodono come ragni attraverso le stelle e nel mezzo si vede la luce azzurra
    dello scoppio centrale e tutti fanno Oooohhh!"

    (Sulla strada, Jack Kerouac) - brano segnalato da Libreria Post Office

    RispondiElimina
  17. Hit the road, Jack!

    RispondiElimina
  18. On The Road - Jack Kerouac
    (On The Road studio version, 1999. Also known as: Home I'll Never Be)

    Well, I left New York in nineteen forty-nine
    To go across the country, without a dad-blame dime
    Montana in the cold cold fall
    I found my father in a gamblin' hall

    Father, father, where have you been?
    I've been out in the world since I was only ten
    Father, father, where have you been?
    I've been out in the world since I was only ten

    Don't worry about me, about to die of pleurisy
    Cross the Mississippi, cross the Tennessee
    Cross the Niagara, home I'll never be
    Home in ol' Medora, home in ol' Truckee
    Apalachicola, home I'll never be

    For better or for worse, or thick and thin
    I've been married to the little woman
    God he loves me, like I love him
    I want you to do just the same for him
    Well, the worms eat away
    But don't worry, watch the wind

    So I left Montana on an old freight train
    The night my father died in the cold cold rain
    Rode to Opelousas, rode to Wounded Knee
    Rode to Ogallala, home I'll never be
    Rode to Oklahoma, rode to El Cajon
    Rode to old Tehatchapi, rode to San Antone

    Hey! Hey!

    Rode to Opelousas, rode to Wounded Knee
    Rode to Ogallala, home I'll never be
    Rode to Oklahoma, rode to El Cajon
    Rode to old Tehatchapi, rode to San Antone

    Home I'll never be
    Home I'll never be
    Home I'll never be
    Home I'll never be
    Home I'll never be
    Home I'll never be

    Written by: Jack Kerouac
    Published by: Duluoz Publishing Inc. (ASCAP) and Jalma Music (ASCAP)
    Recorded at Prairie Sun Recording studios. Cotati, CA/ USA, 1997 (with Primus and Ralph Carney)
    Official release: Jack Kerouac Reads "On The Road', 1999
    Re-released (On The Road): Orphans (Bastards), (P) & © 2006 Anti Inc.

    RispondiElimina