venerdì 2 marzo 2012

Se una notte d'inverno un viaggiatore - Italo Calvino


"O forse il libraio non ha impacchettato il volume, te l'ha messo in un sacchetto. Questo semplifica le cose. Sei al volante della tua macchina, fermo a un semaforo, tiri fuori il libro dal sacchetto, strappi l'involucro trasparente, ti metti a leggere le prime righe. Ti piove addosso una tempesta di strombettii; c'è il verde; stai ostruendo il traffico."


Romanzo davvero particolare: appena il Lettore, e poi anche la Lettrice, si appassionano alla storia, questa si interrompe, con grande frustrazione, per errori di stampa o per altri motivi. Ma ne comincia un'altra, e da questa ne nasce un'altra.... Un libro di libri, o per meglio dire, un libro sul piacere di leggere i libri, e su quello che si prova ad essere interrotti sul più bello. 

9 commenti:

  1. Se una notte d'inverno un viaggiatore, fuori dall'abitato di Malbork, sporgendosi dalla costa scoscesa senza temere il vento e la vertigine, guarda in basso dove l'ombra s'addensa in una rete di linee che s'allacciano, in una rete di linee che s'intersecano sul tappeto di foglie illuminate dalla luna intorno a una fossa vuota, -Quale storia, laggiù, attende la fine?
    Tranquilla, questa volta non posso svelare il finale, o i dieci finali!

    RispondiElimina
  2. Questo libro è un coitus interruptus, apprezzabile per l'idea quasi teatrale, ma sconfortante per la soluzione!

    RispondiElimina
  3. Mi sono smarrita in questo libro, godendomi soprattutto la parte iniziale, come il lettore arriva al libro che vuole; e immedesimandomi passaggio dopo passaggio da una storia all'altra. E mi piacevano tutte! Ma questo è il significato: passare di palo in frasca e appassionarsi a tutto, un po' come i pensieri a ruota libera che si accavallano nella mente.

    RispondiElimina
  4. Bello! E alla fine è un romanzo comunque, con una trama, un bel finale, e una morale notevole: tutti noi ci appassioniamo continuamente a cose diverse, anche indipendentemente l'una dall'altra. Non mi ha dato ansia da prestazione, questo è certo!

    RispondiElimina
  5. La diversità di Calvino rispetto a quasi tutti gli scrittori italiani del '900 consiste proprio in questa capacità di cambiare stile, genere, umore. Questo libro è diverso da tutti gli altri, i suoi compresi.

    RispondiElimina
  6. Francesco I20/10/12, 12:57

    «Hai con te il libro che stavi leggendo al caffè e che sei impaziente di continuare, per poterlo poi passare a lei, per comunicare ancora con lei attraverso il canale scavato dalle parole altrui, che proprio in quanto pronunciate da una voce estranea, dalla voce di quel silenzioso nessuno fatto d’inchiostro e di spaziature tipografiche, possono diventare vostre, un linguaggio, un codice tra voi, un mezzo per scambiarvi segnali e riconoscervi».

    Italo Calvino, “Se una notte d’inverno un viaggiatore” (1979)

    RispondiElimina
  7. "Qualcosa mi dev'essere andata per storto: un disguido, un ritardo, una coincidenza perduta; forse arrivando avrei dovuto trovare un contatto, probabilmente in relazione a questa valigia che sembra preoccuparmi tanto, non è chiaro se per timore di perderla o perché non vedo l'ora di disfarmene. Quello che pare sicuro è che non è un bagaglio qualsiasi, da poterlo consegnare al deposito bagagli o far finta di dimenticarlo nella sala d'aspetto. E' inutile che guardi l'orologio; se qualcuno era venuto ad aspettarmi ormai se n'è andato da un pezzo; è inutile che mi arrovelli nella smania di far girare all'indietro gli orologi e i calendari sperando di ritornare al momento precedente a quello in cui è successo qualcosa che non doveva succedere."

    Italo Calvino - da Se una notte d’inverno un viaggiatore
    (grazie a Libreria Post Office)

    RispondiElimina
  8. Così sempre corre il giovane verso la donna: ma è davvero amore per lei a spingerlo? o non è amore soprattutto di sé, ricerca d'una certezza d'esserci che solo la donna gli può dare? Corre e s'innamora il giovane, insicuro di sé, felice e disperato, e per lui la donna è quella che certamente c'è, e lei sola può dargli quella prova. Ma la donna anche lei c'è e non c'è: eccola di fronte a lui, trepidante anch'essa, insicura, come fa il giovane a non capirlo? Cosa importa chi trai due è il forte e chi il debole? Sono pari. Ma il giovane non lo sa perché non vuole saperlo: quella di cui ha fame è la donna che c'è, la donna certa.
    Lei invece sa più cose; o meno; comunque sa cose diverse; ora è un diverso modo d'essere che cerca.
    (Italo Calvino)

    RispondiElimina