domenica 13 maggio 2012

Poesie - Percy Bysshe Shelley







(Poems - 1819)

 Shelley annegò nell'affondamento del suo vascello al largo della costa tirrenica fra Portovenere e la Toscana e fu cremato sulla spiaggia vicino a Viareggio, là dove le onde avevano spinto il suo corpo. Le sue ceneri furono sepolte nel cimitero Acattolico di Roma; il suo cuore, che il suo amico Edward John Trelawny aveva strappato dalle fiamme, fu conservato dalla sua vedova, Mary Wollstonecraft Shelley, fino alla sua morte e fu sepolto con lei a Bournemouth. L'epigrafe, in riferimento alla sua morte in mare, riprende tre versi del canto di Ariel dalla "Tempesta" di Shakespeare:
"Nothing of him that doth fade, but doth suffer a sea change, into something rich and strange" (Niente di lui si dissolve, ma subisce una metamorfosi marina per divenire qualcosa di ricco e strano).
Romantico, avventuroso, colto, vegetariano, bello, anticonformista e idealista. Non so trovare qualcosa di meglio. Metto le due odi che amo di più. Sono lunghe, lo so.


Ode to the West Wind

I
O wild West Wind, thou breath of Autumn's being,


Thou, from whose unseen presence the leaves dead

Are driven, like ghosts from an enchanter fleeing,


Yellow, and black, and pale, and hectic red,
Pestilence-stricken multitudes: 0 thou,
Who chariotest to their dark wintry bed

The wingèd seeds, where they lie cold and low,
Each like a corpse within its grave,until
Thine azure sister of the Spring shall blow

Her clarion o'er the dreaming earth, and fill
(Driving sweet buds like flocks to feed in air)
With living hues and odours plain and hill:

Wild Spirit, which art moving everywhere;
Destroyer and Preserver; hear, O hear!

II

Thou on whose stream, 'mid the steep sky's commotion,
Loose clouds like Earth's decaying leaves are shed,
Shook from the tangled boughs of Heaven and Ocean,

Angels of rain and lightning: there are spread
On the blue surface of thine airy surge,
Like the bright hair uplifted from the head

Of some fierce Maenad, even from the dim verge
Of the horizon to the zenith's height,
The locks of the approaching storm. Thou dirge

Of the dying year, to which this closing night
Will be the dome of a vast sepulchre
Vaulted with all thy congregated might

Of vapours, from whose solid atmosphere
Black rain, and fire, and hail will burst: O hear!

III
Thou who didst waken from his summer dreams
The blue Mediterranean, where he lay,
Lulled by the coil of his crystalline streams,

Beside a pumice isle in Baiae's bay,
And saw in sleep old palaces and towers
Quivering within the wave's intenser day,

All overgrown with azure moss and flowers
So sweet, the sense faints picturing them! Thou
For whose path the Atlantic's level powers

Cleave themselves into chasms, while far below
The sea-blooms and the oozy woods which wear
The sapless foliage of the ocean, know

Thy voice, and suddenly grow grey with fear,
And tremble and despoil themselves: O hear!

IV
If I were a dead leaf thou mightest bear;
If I were a swift cloud to fly with thee;
A wave to pant beneath thy power, and share

The impulse of thy strength, only less free
Than thou, O Uncontrollable! If even
I were as in my boyhood, and could be

The comrade of thy wanderings over Heaven,
As then, when to outstrip thy skiey speed
Scarce seemed a vision; I would ne'er have striven

As thus with thee in prayer in my sore need.
Oh! lift me as a wave, a leaf, a cloud!
I fall upon the thorns of life! I bleed!

A heavy weight of hours has chained and bowed
One too like thee: tameless, and swift, and proud.

V
Make me thy lyre, even as the forest is:
What if my leaves are falling like its own!
The tumult of thy mighty harmonies

Will take from both a deep, autumnal tone,
Sweet though in sadness. Be thou, Spirit fierce,
My spirit! Be thou me, impetuous one!

Drive my dead thoughts over the universe
Like withered leaves to quicken a new birth!
And, by the incantation of this verse,

Scatter, as from an unextinguished hearth
Ashes and sparks, my words among mankind!
Be through my lips to unawakened Earth

The trumpet of a prophecy! O Wind,
If Winter comes, can Spring be far behind?



Ode al vento dell'ovest
I
Oh tu selvaggio vento dell’Ovest, respiro dell’essenza dell’autunno,
tu, dalla cui invisibile presenza le foglie morte
sono trascinate, come spettri in fuga da un incantatore.
Gialle e nere e pallide e febbrilmente rosse,
moltitudini colpite dalla pestilenza: oh tu
che sospingi ai loro oscuri letti dell’inverno
i semi alati, dove giacciono freddi e profondi,
ognuno come cadavere nella sua tomba, finché
la tua azzurra sorella della primavera soffierà
nel suo corno sulla sognante terra, e colmerà
(guidando i dolci germogli come greggi a pascolare nell’aria)
di vivaci colori e profumi pianura e collina:
oh Spirito selvaggio, che spiri per ogni dove;
distruttore e preservatore; ascolta, oh ascolta!
II
Tu nella cui corrente, in mezzo al tumulto dell’alto cielo,
nuvole sciolte come foglie cadenti della terra sono sparse,
scosse dai rami aggrovigliati di Cielo e Oceano,
messaggeri di pioggia e lampi: là sono disperse
sull'azzurra superficie del tuo aereo ondeggiare,
come i lucenti capelli sollevati dalla testa
d'una feroce Menade, perfino dal fosco margine
dell'orizzonte fino all’altezza dello zenit,
le serrature della tempesta in arrivo. Tu, canto funebre
dell'anno morente, al quale questa notte che sta finendo
sarà la cupola di un sepolcro immenso,
cui fa da volta da tutta la potenza concentrata
di vapori, dalla cui densa atmosfera
esploderanno nera pioggia e fuoco e grandine: oh, ascolta!
III
Tu che svegliasti dai suoi sogni estivi
l’azzurro Mediterraneo, dove giaceva
cullato dal gorgoglio dei suoi flutti cristallini,
accanto a un'isola di pomice nella baia di Baiae,
e vedesti nel sonno antichi palazzi e torri
tremolanti nella luce più intensa dell'onda
tutti sommersi da muschio azzurro e fiori
così dolci, che nel raffigurarli il senso viene meno! Tu
al cui passaggio la potente superficie d'Atlantico
si squarcia in abissi, mentre giù in profondità
le inflorescenze marine e i boschi fangosi, che indossano
le foglie avvizzite dell'oceano, conoscono
la tua voce, e si fanno all'improvviso grigi di paura,
e tremano e si spogliano: oh, ascolta!
IV
Se io fossi una foglia appassita che tu potessi portare;
se fossi una veloce nuvola per volare con te;
un'onda che ansima sotto il tuo potere, e condivide
l'impulso della tua forza, soltanto meno libera
di te, oh tu che sei incontrollabile! Se anche
io fossi nella mia fanciullezza, e potessi essere
il compagno dei tuoi vagabondaggi nel cielo,
come allora, quando superare la tua celeste velocità
a mala pena sembrava una visione, io mai avrei gareggiato
così con te in preghiera nel mio estremo bisogno.
Ti prego, innalzami come un'onda, una foglia, una nuvola.
Cado sopra le spine della vita! Sanguino!
Un grave peso di ore ha incatenato, piegato
uno a te troppo simile: indomito, veloce e orgoglioso.
V
Fa di me la tua cetra, come lo è anche la foresta;
che cosa importa se le mie foglie cadono come le sue!
Il tumulto delle tue potenti armonie
acquisterà da entrambi un profondo canto autunnale
dolce nella sua tristezza. Che tu sia, o spirito fiero,
il mio spirito! Che tu sia me, spirito impetuoso!
Guida i miei morti pensieri per l'universo
come foglie ingiallite per affrettarmi una nascita nuova;
e con l'incanto di questi miei versi,
spargi, come da un focolare non ancora spento
ceneri e faville, le mie parole fra il genere umano!
Che tu sia attraverso le mie labbra, per una terra non ancora desta
la tromba d'una profezia! Oh, vento,
se viene l'Inverno, può essere lontana la primavera?

Percy Bisshe Shelley (England 1792-1822)

Ode to a Skylark


                 Hail to thee, blithe Spirit!
                     Bird thou never wert -
                 That from Heaven or near it
                       Pourest thy full heart
In profuse strains of unpremeditated art.
                Higher still and higher
                     From the earth thou springest,
                Like a cloud of fire;
                     The blue deep thou wingest,
And singing still dost soar, and soaring ever singest.
                In the golden lightning
                    Of the sunken sun,
                O'er which clouds are bright'ning,
                    Thou dost float and run,
Like an unbodied joy whose race is just begun.
                 The pale purple even
                     Melts around thy flight;
                 Like a star of Heaven,
                     In the broad daylight
Thou art unseen, but yet I hear thy shrill delight -
                 Keen as are the arrows
                     Of that silver sphere
                 Whose intense lamp narrows
                     In the white dawn clear,
Until we hardly see, we feel that it is there.
                 All the earth and air
                    With thy voice is loud,
                 As, when night is bare,
                     From one lonely cloud
The moon rains out her beams, and Heaven is overflowed.
                 What thou art we know not;
                     What is most like thee?
                  From rainbow clouds there flow not
                     Drops so bright to see,
As from thy presence showers a rain of melody: -
                 Like a Poet hidden
                     In the light of thought,
                 Singing hymns unbidden,
                     Till the world is wrought 
To sympathy with hopes and fears it heeded not:
                 Like a high-born maiden
                     In a palace-tower,
                 Soothing her love-laden
                     Soul in secret hour
With music sweet as love, which overflows her bower:
                 Like a glow-worm golden
                     In a dell of dew,
                 Scattering unbeholden
                     Its aërial hue
Among the flowers and grass which screen it from the view:
                   Like a rose embowered
                       In its own green leaves,
                   By warm winds deflowered,
                       Till the scent it gives
Makes faint with too much sweet these heavy-wingéd thieves:
                   Sound of vernal showers
                       On the twinkling grass,
                   Rain-awakened flowers -
                       All that ever was
Joyous and clear and fresh - thy music doth surpass.
                    Teach us, Sprite or Bird,
                        What sweet thoughts are thine:
                     I have never heard
                         Praise of love or wine
That panted forth a flood of rapture so divine.
                     Chorus hymeneal,
                         Or triumphal chant,
                    Matched with thine would be all
                         but an empty vaunt -
A thing wherein we feel there is some hidden want.
                    What objects are the fountains
                        Of thy happy strain?
                    What fields, or waves, or mountains?
                        What shapes of sky or plain?
What love of thine own kind? what ignorance of pain?
                     With thy clear keen joyance
                          Languor cannot be:
                     Shadow of annoyance
                         Never came near thee:
Thou lovest, but ne'er knew love's sad satiety.
                     Waking or asleep,
                         Thou of death must deem
                     Things more true and deep
                         Than we mortals dream,
Or how could thy notes flow in such a crystal stream?
                     We look before and after,
                         And pine for what is not:
                     Our sincerest laughter
                         With some pain is fraught;
Our sweetest songs are those that tell of saddest thought.
                     Yet, if we could scorn
                        Hate and pride and fear,
                     If we were things born
                         Not to shed a tear,
I know not how thy joy we ever should come near.
                     Better than all measures
                         Of delightful sound,
                     Better than all treasures
                         That in books are found,
Thy skill to poet were, thou scorner of the ground!
                     Teach me half the gladness
                         That thy brain must know;
                     Such harmonious madness
                         From my lips would flow,
The world should listen then, as I am listening now.





Ode ad un'allodola


Salute a te, o spirito di gioia! 
Tu che non fosti mai uccello, e dall'alto 
del Cielo, o vicino, rovesci 
la piena del tuo cuore in generose 
melodie di un'arte non premeditata. 
Sempre più in alto, più in alto, ti vedo 
guizzare dalla terra, una nube di fuoco, 
e percorri con l'ali l'infinito azzurro, 
ti levi nell'aria cantando, 
e librandoti alta ancora canti. 
Nei bagliori dorati del sole 
che sta per tramontare, là dove 
s'accendono in alto le nubi 
tu corri e veleggi, una gioia incorporea 
che ha appena dato inizio alla sua corsa. 
La pallida sera di porpora 
attorno al tuo volo si scioglie; 
come una stella del Cielo nel colmo 
della luce del giorno tu resti 
completamente invisibile, eppure 
odo la tua felicità squillante, acuta 
come le frecce di quella sfera argentea 
la cui lampada intensa si sfoca 
nel bianco chiarore dell'alba, 
così che noi faticosamente 
la riusciamo a vedere, pur sapendo 
dove si trova: della tua voce risuonano 
l'aria e la terra, come quando è limpida 
la notte e da una nube solitaria 
la luna piove i suoi raggi e n'è sommerso il cielo. 
Noi non sappiamo cosa sei, né a cosa 
più rassomigli. Dalle nubi accese 
dal colorato arcobaleno non si versa goccia 
che tanto splenda a vedersi come dalla 
tua presenza un rovescio di pioggia melodiosa. 
Sei come un poeta nascosto 
entro la luce del pensiero, un poeta che canta 
liberamente i suoi inni, finché il mondo 
entra in perfetto accordo 
con le speranze e i timori che prima ignorava; 
sei come una fanciulla di nobile nascita 
che acquieta nella torre di un palazzo 
la sua anima oppressa dall'amore, 
in un'ora segreta, con una musica dolce 
come l'amore stesso, e ne inonda la camera; 
sei come una lucciola d'oro 
in una piccola valle coperta di rugiada, 
che diffonde nascosta agli sguardi 
la sua aerea luminescenza 
in mezzo ai fiori e all'erba che la celano; 
sei come una rosa protetta 
dalle sue foglie verdi, violata 
dai venti caldi, finché il suo profumo 
illanguidisce con troppa dolcezza 
quei ladri dall'ala pesante; 
il suono dei rovesci della pioggia 
primaverile sull'erba scintillante, 
i fiori risvegliati dagli scrosci, e ogni cosa 
che sia stata felice e chiara e fresca 
la tua musica sempre la supera. 
Insegnaci, Spirito o Uccello, 
quali dolci pensieri sono i tuoi: 
io non ho mai udito una lode d'amore o di vino 
da cui fluisse così palpitante 
un simile celeste rapimento. 
Cori d'Imene o canti di trionfo 
paragonati al tuo non sarebbero altro 
che una misera vuota vanteria, 
cose in cui noi sentiamo si nasconde 
sicuramente un difetto. 
Quali ragioni sono la sorgente 
di questa tua felice melodia? 
Che prati, onde o montagne? Quali aspetti 
della pianura o del cielo? Che amore 
della tua stessa specie? Che ignoranza 
perfino del dolore? con la tua 
chiara ed acuta gioia non potrà mai esistere 
il languore, né un'ombra di noia 
mai t'è venuta accanto; tu ami, eppure mai 
hai conosciuto la triste sazietà d'amore. 
Che tu sia desta o in sonno, della morte 
devi considerare cose più vere e profonde 
di quanto in sogno gli uomini, altrimenti 
come potrebbero mai le tue note 
fluire in simili rivi cristallini? 
Noi guardiamo in avanti, guardiamo 
dietro di noi, e siamo tormentati 
da tutto ciò che non è: le nostre risa, 
anche le più sincere, nascondono la pena, 
e le nostre canzoni più dolci sono quelle 
che raccontano sempre il pensiero più triste. 
Anche se noi potessimo schernire 
odio paura e orgoglio, anche fossimo nati 
per non versare lacrime, non so 
come potremmo giungere alla tua stessa gioia. 
Più di qualsiasi misura di suoni deliziosi 
sarebbe adatta al poeta la tua maestria, 
più di qualsiasi tesoro nascosto nei libri, 
o tu che hai in dispregio la terra! 
E dunque insegnami almeno la metà 
di tutta quella gioia che conosci: 
dalle mie labbra allora fluirebbe 
una follia armoniosa, e finalmente il mondo 
ascolterebbe, proprio come me 
che sono qui in ascolto della tua. 

29 commenti:

  1. lascio che queste parole parlino per me. Sono dedicate al Cev.

    Sulla morte - Percy Bysshe Shelley


    Il sorriso freddo, pallido e lunare
    che il raggio di una meteora di una notte senza stelle
    versa su un'isola solitaria e cintata dal mare,
    prima della luce indubitabile del sorgere del giorno,
    è la fiamma della vita tanto instabile e languente
    che aleggia intorno ai nostri passi finché la forza è finita.

    O uomo! resta saldo nel coraggio dell'anima
    attraverso le ombre tempestose della tua strada terrena,
    e i turbini di nuvole che ti rotolano intorno
    dormiranno nella luce di quel meraviglioso giorno,
    quando Inferno e Paradiso ti lasceranno libero
    nell'universalità del destino.

    Questo mondo è la nutrice di ogni cosa che conosciamo,
    questo mondo è la madre di ogni cosa che sentiamo,
    e l'arrivo della morte è un colpo spaventoso
    per un cervello che non sia racchiuso dentro nervi d'acciaio;
    quando tutto quello che sappiamo, o sentiamo, o vediamo,
    come un mistero irreale scomparirà.

    Le cose segrete della tomba sono dove,
    dove tutto meno questa struttura certamente sarà,
    se anche la meraviglia raffinata dell'occhio e dell'orecchio
    non sarà più vivente per ascoltare o per vedere
    tutto quello che è strano e tutto quello che è grande
    nel regno sconfinato del mutamento infinito.

    Chi racconta il racconto della morte che non parla?
    Chi solleva il velo di quello che deve venire?
    Chi dipinge le ombre che sono sotto
    le vaste spire delle caverne della tomba abitata?
    O unisce le speranze di quello che sarà
    con le paure e l'amore di quello che vediamo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando il dolore è cosi forte che niente e nessuno può essere di conforto, lasciamo che scorra,che ci attraversi di parte in parte,che ci nutra e che ci disseti..perchè quando ad andarsene è una persona che amiamo.. il più bel dono è vivere fino in fondo il dolore della sua perdita.

      Elimina
    2. non potevi scegliere meglio

      Elimina
    3. Ogni parola, ogni pausa, ogni punto interrogativo esprimono quello che provo, quello che penso. Ma anche la poesia di Hikmet che ha scelto Ri è perfetta.

      Elimina
  2. On Death by Percy Bysshe Shelley

    The pale, the cold, and the moony smile
    Which the meteor beam of a starless night
    Sheds on a lonely and sea-girt isle,
    Ere the dawning of morn's undoubted light,
    Is the flame of life so fickle and wan
    That flits round our steps till their strength is gone.

    O man! hold thee on in courage of soul
    Through the stormy shades of thy wordly way,
    And the billows of clouds that around thee roll
    Shall sleep in the light of a wondrous day,
    Where hell and heaven shall leave thee free
    To the universe of destiny.

    This world is the nurse of all we know,
    This world is the mother of all we feel,
    And the coming of death is a fearful blow
    To a brain unencompass'd by nerves of steel:
    When all that we know, or feel, or see,
    Shall pass like an unreal mystery.

    The secret things of the grave are there,
    Where all but this frame must surely be,
    Though the fine-wrought eye and the wondrous ear
    No longer will live, to hear or to see
    All that is great and all that is strange
    In the boundless realm of unending change.

    Who telleth a tale of unspeaking death?
    Who lifteth the veil of what is to come?
    Who painteth the shadows that are beneath
    The wide-winding caves of the peopled tomb?
    Or uniteth the hopes of what shall be
    With the fears and the love for that which we see?

    RispondiElimina
  3. When the lamp is shattered
    The light in the dust lies dead -
    When the cloud is scattered,
    The rainbow's glory is shed.
    When the lute is broken,
    Sweet tones are remembered not;
    When the lips have spoken,
    Loved accents are soon forgot.

    (Quando la lampada è infranta, la luce
    si adagia sulla polvere e subito muore;
    quando la nuvola s'apre e si sfrangia
    si dissolve la gloria dell'arcobaleno;
    quando il liuto è spezzato
    non si ricorda più la dolcezza dei suoni;
    quando le labbra ormai hanno parlato
    sono dimenticati gli accenti dell'amore.)
    Solo una strofa, bellissima

    RispondiElimina
  4. Due odi espressioni di una lirica romantica,bellissime e significative
    La prima,é una preghiera al vento.Il vento che porta via e distrugge ogni cosa ma che tuttavia raccoglie e sparge i semi del futuro.
    Il poeta vorrebbe essere portato via come una foglia, un’onda o una nuvola e pensa a quando era giovane e sentiva di poter conquistare il Mondo, era forte. nulla era impossibile e poteva correre insieme al vento, impetuoso ed indomabile,poi i rovi,le ingiustizie le sofferenza della vita... tuttavia.lascia aperta la porta della speranza mai cosi attuale,perchè anche allorquando si è conosciuto il dolore e le difficoltà ,non bisogna smettere di sognare l’impossibile, perchè il vento potrebbe acendere il risveglio e consentir la rinascita dalle ingiustizie ..
    “se l’inverno viene, può la primavera essere lontana?.
    La seconda ode ci racconta dell'allodola che simboleggia l'arte come fonte di piacere,in qaunto il suo canto melodioso ci apre ad un Mondo incantato .
    Shelley era vegetariano convinto e scrisse: «se l'uso del cibo animale sovverte la quiete del consorzio umano, quanto è indesiderabile l'ingiustizia e la barbarie esercitata verso queste povere vittime! Esse sono chiamate a vivere dall'artificio umano solo allo scopo di vivere una breve e infelice esistenza di malattia e schiavitù, perché il loro corpo sia mutilato e violati i loro affetti. Molto meglio che un essere capace di sentimenti non sia mai esistito, piuttosto che sia vissuto soltanto per sopportare una dolorosa esistenza senza sollievo alcuno.»

    RispondiElimina
  5. Romantico e gentile, come un sussurro lieve questa sua poesia:

    La musica, quando - Percy Bisshe Shelley

    La musica, quando le soffici voci svaniscono,
    Vibra nella memoria,
    I profumi, quando le dolci violette sfioriscono,
    Vivono dentro i sensi che ravvivano.

    I petali della rosa, quando la rosa muore,
    Vengono ammucchiati per il letto dell'amata; 
    Così sui tuoi pensieri, quando te ne sarai andata,
    L'amore stesso si assopirà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Music, when soft voices die – by Percy Bisshe Shelley

      Music, when soft voices die,
      Vibrates in the memory,
      Odours, when sweet violets sicken,
      Live within the sense they quicken.

      Rose leaves, when the rose is dead,
      Are heaped for the beloved's bed;
      And so thy thoughts, when thou art gone,
      Love itself shall slumber on.

      Elimina
    2. Poesia evanescente, vibrante e profumata.

      Elimina
  6. Questo è il famoso poeta di cui, scrivendo sul Frankenstein di sua moglie Mary, hai riportato il commento di un professore a dir poco ignorante: "In casa Shelley, la moglie porta i pantaloni e il marito la gonna", disprezzando così, oltre la poesia romantica, anche la cronaca: Percy Bisshe, ateo e libertino, ebbe una vita intensissima di avventure, tragedie, esperienze, anche al limite della legge, fino ad una morte coerente con la sua vita non certo banale: affondato con la sua barca davanti alla costa toscana.

    RispondiElimina
  7. Come un ricordo perfetto di tanti anni fa, quando languivo sulla poesia romantica, da Wordsworth a Shelley, da Keats a Byron! Quanto tempo, e per fortuna il cinismo di oggi può ancora essere stemperato da versi come questi:

    THE MOON - Percy Bysshe Shelley

    And, like a dying lady lean and pale,
    Who totters forth, wrapp'd in a gauzy veil,
    Out of her chamber, led by the insane
    And feeble wanderings of her fading brain,
    The moon arose up in the murky east
    A white and shapeless mass.

    LA LUNA
    E, come una signora morente emaciata e pallida,
    Che innanzi barcolla, nascosta da un trasparente velo,
    Fuori dalla sua camera, guidata dai folli
    e flebili deliri del suo cervello snervato,
    La luna si levò nel tenebroso est,
    Una bianca e informe massa.

    Una meraviglia

    RispondiElimina
  8. Bellissime, complimenti. Ho trovato tutto quello che mi serve! Ciao A.

    RispondiElimina
  9. teletrasporto il magnifico link di Gigi (Baku):

    "e' il 5 luglio del 1969......................
    ad Hyde Park ( Londra ) i Rolling Stones si esibiscono appena due giorni dopo la scomparsa di Brian Jones, con Mick Jagger che introduce il concerto leggendo un brano del poeta Shelley e liberando migliaia di farfalle bianche............"

    E il brano di Shelley è questo, tratto dall'Adonais:

    "Silenzio! egli non è mai morto, egli non dorme –
    si è svegliato dal sogno della vita – siamo noi
    che, perduti in visioni di tempesta, vanamente
    lottiamo con fantasmi, e in folle estasi
    colpiamo col pugnale del nostro spirito
    invulnerabili cose inesistenti. – Noi ci decomponiamo
    come cadaveri sepolti; la paura e il dolore
    ci scuotono e consumano, un giorno dopo l’altro,
    e gelide speranze come vermi sciamano nella nostra viva argilla.
    L’Uno rimane, i molti cambiano e passano;
    i Cieli sempre splendono, le ombre della Terra volano;
    la vita, come una cupola di vetro variopinto,
    colora e macchia il bianco raggio dell’eterno,
    finché la Morte non la manda in pezzi. – Muori,
    se vuoi riunirti a quello che tu cerchi!
    Seguilo dove fuggì ogni cosa!"

    grazie a Gigi, ho fatto un capolavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco le due strofe originali. Non sono consecutive, essendo un poema molto lungo ho dovuto cercarle attentamente!

      From ADONAIS - PERCY BYSSHE SHELLEY

      Peace, peace! he is not dead, he doth not sleep-
      He hath awakened from the dream of life-
      'Tis we, who lost in stormy visions, keep
      With phantoms an unprofitable strife,
      And in mad trance, strike with our spirit's knife
      Invulnerable nothings.-We decay
      Like corpses in a charnel; fear and grief
      Convulse us and consume us day by day,
      And cold hopes swarm like worms within our living clay.
      ...
      The One remains, the many change and pass;
      Heaven's light forever shines, Earth's shadows fly;
      Life, like a dome of many-coloured glass,
      Stains the white radiance of Eternity,
      Until Death tramples it to fragments.-Die,
      If thou wouldst be with that which thou dost seek!
      Follow where all is fled!

      Elimina
  10. I am not sure where you're getting your information, but good topic. I needs to spend some time learning more or understanding more. Thanks for wonderful information I was looking for this info for my mission. Anthem

    RispondiElimina
  11. EVENING: PONTE AL MARE, PISA - PERCY BYSSHE SHELLEY (1824)
    I.
    The sun is set; the swallows are asleep;
    The bats are flitting fast in the gray air;
    The slow soft toads out of damp corners creep,
    And evening's breath, wandering here and there
    Over the quivering surface of the stream,
    Wakes not one ripple from its summer dream.
    II.
    There is no dew on the dry grass to-night,
    Nor damp within the shadow of the trees;
    The wind is intermitting, dry, and light;
    And in the inconstant motion of the breeze
    The dust and straws are driven up and down,
    And whirled about the pavement of the town.
    III.
    Within the surface of the fleeting river
    The wrinkled image of the city lay,
    Immovably unquiet, and forever
    It trembles, but it never fades away;
    Go to the . . .
    You, being changed, will find it then as now.
    IV.
    The chasm in which the sun has sunk is shut
    By darkest barriers of cinereous cloud,
    Like mountain over mountain huddled - but
    Growing and moving upwards in a crowd,
    And over it a space of watery blue,
    Which the keen evening star is shining through.

    SERA: PONTE AL MARE, PISA - PERCY BYSSHE SHELLEY (1824)
    I
    Il sole è tramontato, dormono le rondini,
    i pipistrelli rapidi svolazzano nell'aria grigia,
    i rospi lenti e molli strisciano dai loro angoli umidi,
    e il soffio della sera qua e là vagando
    sulla tremante superficie del fiume
    non sveglia un gorgoglio dal suo sonno estivo.
    II
    Non c'è rugiada stasera sull'erba secca,
    né umidità nell'ombra degli alberi,
    il vento a raffiche, lieve e secco,
    e nel moto incostante della brezza
    polvere e foglie si sollevano a sprazzi,
    turbinano sul selciato delle strade.
    III
    E sulla superficie del fiume fluttuante
    l'immagine increspata della città si distende,
    immobilmente inquieta e tremante
    all'infinito, senza mai dissolversi,
    andate...
    voi, mutati, la troverete identica.
    IV
    L'abisso dove il sole è affondato è chiuso
    dalle più nere barriere di una nube cinerea,
    come un monte si addensa su un monte
    ma in espansione e in alto, a folla,
    e sopra uno spazio di azzurro acquatico
    perfora splendida la stella della sera.

    L'immagine di un tramonto meraviglioso, con un finale indimenticabile: i lunghi raggi della stella della sera che squarciano il cielo e le nuvole.

    RispondiElimina
  12. E qualcosa rimane tra le polveri chiare e le polveri scure... Ozymandias è il nome greco del faraone Ramses II.

    OZYMANDIAS - PERCY BYSSHE SHELLEY

    I met a traveller from an antique land
    Who said: "Two vast and trunkless legs of stone
    Stand in the desert. Near them on the sand,
    Half sunk, a shattered visage lies, whose frown
    And wrinkled lip and sneer of cold command
    Tell that its sculptor well those passions read
    Which yet survive, stamped on these lifeless things,
    The hand that mocked them and the heart that fed.
    And on the pedestal these words appear:
    `My name is Ozymandias, King of Kings:
    Look on my works, ye mighty, and despair!'
    Nothing beside remains. Round the decay
    Of that colossal wreck, boundless and bare,
    The lone and level sands stretch far away".


    Ecco la traduzione in italiano di OZYMANDIAS:

    Incontrai un viaggiatore, veniva da un'antica
    terra e mi disse: Due immense gambe di pietra
    s'ergono nel deserto, senza tronco... Vicino, sulla sabbia,
    giace a metà sepolto un viso smozzicato, e il cipiglio,
    le labbra corrugate e il suo ghigno di freddo comando
    dicono come esattamente lo scultore
    abbia letto passioni che ancora sopravvivono, impresse
    in quelle cose morte, alla mano che un tempo
    le interpretò, e al cuore
    che le nutrì: sul piedistallo appaiono
    queste parole: "il mio nome è Ozymandias, re dei re:
    guardate alle mie opere, o Potenti, e disperate!"
    Nient'altro resta. Attorno alle rovine
    di quell'enorme relitto, le nude e sconfinate
    sabbie deserte e piatte si stendono lontano.

    RispondiElimina
  13. TO SOPHIA - PERCY BYSSHE SHELLEY

    Thou art fair, and few are fairer
    Of the Nymphs of earth or ocean;
    They are robes that fit the wearer–
    Those soft limbs of thine, whose motion
    Ever falls and shifts and glances
    As the life within them dances.

    Thy deep eyes, a double Planet,
    Gaze the wisest into madness
    With soft clear fire,–the winds that fan it
    Are those thoughts of tender gladness
    Which, like zephyrs on the billow,
    Make thy gentle soul their pillow.

    If, whatever face thou paintest
    In those eyes, grows pale with pleasure,
    If the fainting soul is faintest
    When it hears thy harp’s wild measure,
    Wonder not that when thou speakest
    Of the weak my heart is weakest.

    As dew beneath the wind of morning,
    As the sea which whirlwinds waken,
    As the birds at thunder’s warning,
    As aught mute yet deeply shaken,
    As one who feels an unseen spirit
    Is my heart when thine is near it.

    A SOFIA - PERCY BYSSHE SHELLEY

    Tu sei bella, e poche son più belle
    fra le ninfe dei mari e della terra;
    son vesti che stan bene a chi le porta
    queste tue membra soavi che, muovendosi,
    sempre cadono e cambiano e scintillano,
    mentre la vita in esse danza.

    I tuoi profondi occhi – un duplice Pianeta:
    i più saggi, se li fissano, impazziscono
    per il mite e chiaro fuoco, ventilato
    dai pensieri di tenera allegrezza
    che, come zefiri sull’onda, fanno
    della tua dolce anima il loro guanciale.

    Se ogni viso che dipingi nel riflesso
    dei tuoi occhi impallidisce dal piacere,
    se l’anima che langue viene meno quando ascolta
    il ritmo indomito della tua arpa,
    non ti meravigliar se, quando parli,
    di tutti i cuori deboli, il mio sia il più debole.

    Come rugiada sotto il soffio del mattino,
    come il mare quando i turbini lo destano,
    come gli uccelli all’avviso del tuono,
    come ogni cosa muta, ma nel profondo scossa,
    come chi sente uno spirito invisibile,
    così è il mio cuore quando il tuo è vicino.

    RispondiElimina
  14. It's wonderful that you are getting thoughts from this piece of writing as well as from our dialogue made here

    RispondiElimina
  15. Ti amerei - Percy Bysshe Shelley

    Ti amerei nel vento
    Sotto il cielo terso in primavera
    Tra la dolcezza delle rose...

    Ti amerei nel canto degli uccelli
    All'ombra della vegetazione
    Sulle pietra calda e nuda
    Sotto il solo bruciante,

    Nella frescura dell'erba
    E con il canto degli insetti..
    Ti amerei il giorno e la notte,
    Nella calma e nella tempesta

    Sotto le stelle che brillano
    Sotto la rugiada della notte
    E la mattina all'alba
    Con il sorriso e con le lacrima,

    Ti amerei con tutte le mie forze...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) "sotto il SOLE bruciante"
      2) non trovo una attendibile versione originale, ma solo una specie di ri-traduzione piuttosto elementare, che nel dubbio incollo qui sotto. Rimango dell'idea che Shelley non abbia MAI scritto la poesia postata da Maria.

      Percy Bysshe Shelley - I would love you

      I would love you in the wind
      Under the clear blue sky in spring
      Among the sweetness of roses …

      I would love you in birdsong
      In the shade of the vegetation
      On the hot stone and naked
      Under the scorching only,

      In the cool grass
      And with the singing of insects ..
      I would love you day and night,
      In the calm and the storm

      Under the stars that shine
      Under the dew of the night
      And in the morning at sunrise
      With the smile and the tear,

      I would love you with all my strength …



      Elimina
  16. Propongo due frammenti spesso accomunati, che sembrano scritti da Rimbaud qualche decennio dopo.

    FRAGMENT: IGNICULUS DESIDERII - PERCY BYSSHE SHELLEY

    To thirst and find no fill—to wail and wander
    With short unsteady steps—to pause and ponder--
    To feel the blood run through the veins and tingle
    Where busy thought and blind sensation mingle;
    To nurse the image of unfelt caresses
    Till dim imagination just possesses
    The half-created shadow, then all the night
    Sick...

    FRAMMENTO: LA SCINTILLA DEL DESIDERIO - P.B. SHELLEY
    Non trovare appagamento e avere sete - gemere e vagare
    con passi incerti e brevi - e fermarsi a meditare -
    sentire il sangue che corre nelle vene e batte
    dove pensieri tenaci si fondono e sensazione cieca;
    di carezze che non toccano nutrire l'immagine
    finché l'immaginazione offuscata possiede solo
    l'ombra semicreata, poi per tutta la notte
    il male...

    FRAGMENT: AMOR AETERNUS - PERCY BYSSHE SHELLEY

    Wealth and dominion fade into the mass
    Of the great sea of human right and wrong,
    When once from our possession they must pass;
    But love, though misdirected, is among
    The things which are immortal, and surpass
    All that frail stuff which will be--or which was.

    FRAMMENTO: AMOR AETERNUS - P.B. SHELLEY
    Ricchezze e potere scompaiono nella massa
    del grande mare del giusto e dell'ingiusto umano,
    quando è la volta che il nostro possesso scade
    ma l'amore, anche se mal riposto, è tra quelle
    cose che sono immortali, e sorpassano
    tutta quella fragile materia che saremo - o siamo stati.

    RispondiElimina
  17. I like reading an article that can make people think. Also, thanks for permitting me to comment!

    RispondiElimina
  18. My spouse and I stumbled over here by a different page and thought I might as well check things out. I like what I see so now i'm following you. Look forward to checking out your web page yet again.

    RispondiElimina
  19. Hello there, I found your web site by means of Google even as searching for a comparable topic, your web site got here up, it appears to be like great. I have bookmarked it in my google bookmarks. Hello there, just became aware of your weblog via Google, and located that it's truly informative. I'm gonna watch out for brussels. I'll appreciate in the event you proceed this in future. Lots of folks will be benefited from your writing.

    RispondiElimina
  20. Remarkable! Its genuinely remarkable post, I have got much clear idea on the topic of from this post.

    RispondiElimina
  21. A Jane: La Ricordanza – Percy Bysshe Shelley
    (grazie infinite a tittideluca)

    I.

    Di tanti giorni, belli tutti
    E chiari come te, l’estremo,
    L’estremo e più soave, è morto.
    Memoria, noi lo loderemo!
    Su, vieni all’opra usata, traccia
    L’elogio di splendor distrutti:
    Poi ch’or la Terra ha un’altra faccia,
    E il Ciel corruga il ciglio assorto.

    II.

    Dei pini andammo alla foresta
    Ch’orla all’Oceano il lido:
    In casa stava la tempesta,
    La brezza nel suo nido.
    Le nubi ai giochi lor partite,
    Brusìan tra il sonno l’onde,
    E il Ciel col suo sorriso mite
    Tenea l’acque profonde.
    Di là dal ciel venia quell’ora,
    Che ci schiarava il viso
    Con una luce tal, che aurora
    Parea del Paradiso?

    III.

    Sostammo in mezzo ai pini, eretti
    Giganti dei deserti,
    Dal nembo attorti ai rudi aspetti
    Come serpi conserti;
    Al soffio degli azzurri fiati
    Nascean tra stelo e stelo
    Colori e accordi delicati
    Come quelli del Cielo:
    Sopite stavan or le fronde
    Come le verdi ondine,
    Silenti al par delle profonde
    Foreste oceanine.

    IV.

    Che calma! – un nodo sì tenace
    V’avea il silenzio astretto,
    Che quell’inviolabil pace
    Più muta avresti detto
    Pel suon del picchio; e pel sereno
    Nostro lieve respiro
    Intorno a noi non venia meno
    La calma effusa in giro.
    E un cerchio magico tracciato
    Delle remote sedi
    Dei monti ai fiori di quel prato
    Esigui ai nostri piedi —
    (Spirito intorno effuso, arcana
    Presenza inebriante) —
    Pareva a pace indur l’umana
    Nostra angoscia un istante.
    Ed io sentia che il centro, il cuore
    Del cerchio magico era
    Un esser che infondea l’amore
    Nell’inerte atmosfera.

    V.

    Sostammo agli acquitrini: il velo
    Dei rami li rinserra;
    Ciascun pareva un breve cielo
    Sprofondato sottoterra;
    Un cielo d’un chiarore intenso
    Entro il terreno oscuro;
    Più del notturno abisso, immenso
    E più del giorno, puro.
    E lì crescean come nell’aria
    Le leggiadre foreste,
    Perfette più di quante varia
    Fronda quassù riveste.
    Là v’era il prato e la radura,
    E tra la verde cinta
    Il sol brillava come aurora
    Da nube variopinta.
    Parvenze dolci (mai non nacquero,
    In terra, pari a queste)
    Fingea laggiù l’amor dell’acque
    Per le verdi foreste.
    E il fondo, tutto d’un zaffiro
    D’Eliso era irrigato:
    Un’atmosfera senza spiro,
    Un dì più delicato.
    La scena, nell’amor, concessa
    Al sen dell’acque s’era
    Con ogni foglia e linea espressa
    In forma più che vera.
    Ma un vento sottentrò repente,
    Come un pensiero inviso
    Che via dall’occhio della mente
    Discaccia un caro viso.
    Se ben sei bella tu, e vivace
    Sempre il bosco ha la fronda,
    Men spesso il cuor di Shelley ha pace,
    Ch’abbia riposo l’onda.

    Percy Bysshe Shelley

    (Traduzione di Mario Praz)

    da “Poeti inglesi dell’ottocento”, Casa Editrice Marzocco, Firenze, 1925

    RispondiElimina
    Risposte
    1. To Jane: The Recollection - Percy Bysshe Shelley

      I

      Now the last day of many days,
      All beautiful and bright as thou,
      The loveliest and the last, is dead,
      Rise, Memory, and write its praise!
      Up,–to thy wonted work! come, trace
      The epitaph of glory fled,–
      For now the Earth has changed its face,
      A frown is on the Heaven’s brow.

      II.

      We wandered to the Pine Forest
      That skirts the Ocean’s foam,
      The lightest wind was in its nest,
      The tempest in its home.
      The whispering waves were half asleep,
      The clouds were gone to play,
      And on the bosom of the deep
      The smile of Heaven lay;
      It seemed as if the hour were one
      Sent from beyond the skies,
      Which scattered from above the sun
      A light of Paradise.

      III.

      We paused amid the pines that stood
      The giants of the waste,
      Tortured by storms to shapes as rude
      As serpents interlaced;
      And, soothed by every azure breath,
      That under Heaven is blown,
      To harmonies and hues beneath,
      As tender as its own,
      Now all the tree-tops lay asleep,
      Like green waves on the sea,
      As still as in the silent deep
      The ocean woods may be.

      IV.

      How calm it was!–the silence there
      By such a chain was bound
      That even the busy woodpecker
      Made stiller by her sound
      The inviolable quietness;
      The breath of peace we drew
      With its soft motion made not less
      The calm that round us grew.
      There seemed from the remotest seat
      Of the white mountain waste,
      To the soft flower beneath our feet,
      A magic circle traced,–
      A spirit interfused around
      A thrilling, silent life,–
      To momentary peace it bound
      Our mortal nature’s strife;
      And still I felt the centre of
      The magic circle there
      Was one fair form that filled with love
      The lifeless atmosphere.

      V.

      We paused beside the pools that lie
      Under the forest bough,–
      Each seemed as ’twere a little sky
      Gulfed in a world below;
      A firmament of purple light
      Which in the dark earth lay,
      More boundless than the depth of night,
      And purer than the day–
      In which the lovely forests grew,
      As in the upper air,
      More perfect both in shape and hue
      Than any spreading there.
      There lay the glade and neighbouring lawn,
      And through the dark green wood
      The white sun twinkling like the dawn
      Out of a speckled cloud.
      Sweet views which in our world above
      Can never well be seen,
      Were imaged by the water’s love
      Of that fair forest green.
      And all was interfused beneath
      With an Elysian glow,
      An atmosphere without a breath,
      A softer day below.
      Like one beloved the scene had lent
      To the dark water’s breast,
      Its every leaf and lineament
      With more than truth expressed;
      Until an envious wind crept by,
      Like an unwelcome thought,
      Which from the mind’s too faithful eye
      Blots one dear image out.
      Though thou art ever fair and kind,
      The forests ever green,
      Less oft is peace in Shelley’s mind,
      Than calm in waters, seen.

      Percy Bysshe Shelley

      da “The poetical works of Percy Bysshe Shelley”, A. & W. Galignani, 1841

      Elimina