giovedì 29 novembre 2012

Poesie - Fernando Pessoa


(Poesias - Portugal 1942)


A MORTE E' A CURVA DA ESTRADA



A morte é a curva da estrada,

Morrer é só não ser visto.
Se escuto, eu te oiço a passada
Existir como eu existo.

A terra é feita de céu. 
A mentira não tem ninho. 
Nunca ninguém se perdeu. 
Tudo é verdade e caminho.


La morte è la curva della strada,
morire è solo non essere visto.
Se ascolto, sento i tuoi passi
esistere come io esisto.
La terra è fatta di cielo.
Non ha nido la menzogna.
Mai nessuno s’è smarrito.
Tutto è verità e passaggio.


A differenza degli altri poeti che ho proposto, mi è difficile identificarmi nelle idee politiche, sociali e religiose di questo autore. Tuttavia, ignorandone il contesto, il mio parere non vale nulla:  mi limito a leggere i suoi versi, e quelli mi piacciono. Pessoa è enigmatico, sfuggente, discreto. Non gli basta avere uno stile, ne deve inventare altri. Nascono così i suoi eteronimi, Alvaro de Campos, Alberto Caeiro, Bernardo Soares, Ricardo Reis, ossia i suoi alter ego: varie personalità letterarie multiple, complete, con un proprio stile e diverse dalla personalità dell'ortonimo, ossia di se stesso quando si firma come Pessoa (letteralmente: Persona).  Nelle "Pagine Esoteriche" si autodefinisce traduttore, perché l'essere poeta e scrittore non costituisce una professione, ma una vocazione. Per quanto riguarda la sua biografia, dice che Ci sono solo due date: quella della mia nascita e quella della mia morte. Tutti i giorni fra l'una e l'altra sono miei. 





                                          Fernando Pessoa - Portugal 1888-1935)


23 commenti:

  1. AMO TUTTO CIO' CHE E' STATO

    Amo tutto ciò che è stato,
    tutto quello che non è più,
    il dolore che ormai non mi duole,
    l'antica e erronea fede,
    l'ieri che ha lasciato dolore,
    quello che ha lasciato allegria
    solo perché è stato, è volato
    e oggi è già un altro giorno.


    Eu amo tudo o que foi,
    Tudo o que já não é,
    A dor que já me não dói,
    A antiga e errônea fé,
    O ontem que dor deixou,
    O que deixou alegria
    Só porque foi, e voou
    E hoje é já outro dia.

    Fernando Pessoa, 1931

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo: intanto era monarchico, ammesso che in Portogallo ai suoi tempi fosse di qualche utilità esserlo. Questa citazione suona più come una battuta:

    "Siediti al sole. Abdica e sii re di te stesso."
    (Fernando Pessoa)

    RispondiElimina
  3. A me piace molto. Ritaglio questo pezzetto e lo aggiungo

    "Non sono niente.
    Non sarò mai niente.
    Non posso voler essere niente.
    A parte ciò, ho in me tutti i Sogni del Mondo."

    Pessoa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono nulla, non posso nulla,
      non perseguo nulla.
      Illuso, porto il mio essere con me.
      Non so di comprendere,
      né so se devo essere,
      niente essendo, ciò che sarò.
      A parte ciò, che è niente, un vacuo vento
      del sud, sotto il vasto azzurro cielo
      mi desta, rabbrividendo nel verde.
      Aver ragione, vincere, possedere l'amore
      marcisce sul morto tronco dell'illusione.
      Sognare è niente e non sapere è vano.
      Dormi nell'ombra, incerto cuore.

      Fernando Pessoa

      Elimina
  4. L'autore ai tempi di facebook. Se ci fosse una top-ten dei poeti più citati, Pessoa se la tirerebbe con Bukowski (che adoro). Senza contare che facebook è stracolmo di avatar, alter ego, personalità multiple a se stanti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con Marianna sulla presenza di questi due grandi, ognuno a suo modo ed anche se amo i poeti che parlano di amore e di passioni, laddove il colore e la giocosità della vita,traspare in ogni verso,ben comprendo che c'è bisogno anche del suono della sofferenza spesso raccontando della morte come un modo per esorcizzarla o elaborare un proprio lutto interiore.
      Personalmente penso che bisognerebbe insegnare il significato della morte come l'altro aspetto della vita stessa , un evento ineluttabile e misterioso,da vivere nel modo giusto e senza eccessivi traumi.
      Mi piace ricordare Baldini,il giornalista sequestrato e poi ucciso che, parlando del momento in cui sarebbe morto, diceva alla famiglia ed agli amici "brindate e ballate sulla mia tomba,festeggiate con me,non voglio sapervi tristi"
      Facebook è un grande erogatore di poesia e ben venga se è stato capace di portarle in tante case dove era sconosciuta oppure ha avvicinato chi se ne era allontanato.
      Credo nelle capacità terapeutiche della poesia, sia per chi le scrive che per chi ne usufruisce e mutuando dal diritto la definirei come " un bene di godimento diretto ed universale".
      Adoro i giochi di parole per cui eccovi una prima poesia
      Chi sogna di più, mi dirai
      Colui che vede il mondo convenuto
      O chi si perse in sogni?
      Che cosa è vero? Cosa sarà di più
      La bugia che c'è nella realtà
      O la bugia che si trova nei sogni?
      Chi è più distante dalla verità
      Chi vede la verità in ombra
      O chi vede il sogno illuminato?
      La persona che è un buon commensale, o questa?
      Quella che si sente un estraneo nella festa?
      Fernando Pessoa
      ed eccone subito un'altra
      Non sto pensando a niente
      Non sto pensando a niente,
      e questa cosa centrale,
      che a sua volta non è niente,
      mi è gradita come l'aria notturna,
      fresca in confronto all'estate calda del giorno.
      Che bello, non sto pensando a niente!
      Non pensare a niente
      è avere l'anima propria e intera.
      Non pensare a niente
      è vivere intimamente
      il flusso e riflusso della vita...
      Non sto pensando a niente.
      È come se mi fossi appoggiato male.
      Un dolore nella schiena o sul fianco,
      un sapore amaro nella bocca della mia anima:
      perché, in fin dei conti,
      non sto pensando a niente,
      ma proprio a niente,
      a niente...
      e sottolineo questo verso
      " perchè non pensare a niente è avere l'anima propria e intera"

      Elimina
  5. Mi piace moltissimo. Non mi importa molto del suo retroterra, anche perchè non mi sembra influire molto sulle sue opere. Un po' come per Lucio Battisti... Non sono diventati famosi per le loro idee politiche! Bene, detto questo, ecco la mia (per ora) preferita:

    "Contemplo il lago silenzioso
    che la brezza fa rabbrividire.
    Non so se penso a tutto
    o se tutto mi dimentica.
    Nulla il lago mi dice
    né la brezza cullandolo.
    Non so se sono felice
    né se desidero esserlo.
    Tremuli solchi sorridono
    sull'acqua addormentata.
    Perché ho fatto dei sogni
    la mia unica vita?"

    F.Pessoa

    RispondiElimina
  6. tre righe, bellissime, che sento mie:

    MA IO, SEMPRE ESTRANEO - FERNANDO PESSOA

    Ma io, sempre estraneo, sempre penetrando
    il più intimo essere della mia vita,
    vado dentro di me cercando l’ombra.

    RispondiElimina
  7. TUTTE LE LETTERE D'AMORE - FERNANDO PESSOA

    Tutte le lettere d’amore sono
    ridicole.
    Non sarebbero lettere d’amore se non fossero
    ridicole.

    Anch’io ho scritto ai miei tempi lettere d’amore,
    come le altre,
    ridicole.

    Le lettere d’amore, se c’è l’amore,
    devono essere
    ridicole.

    Ma dopotutto
    solo coloro che non hanno mai scritto
    lettere d’amore
    sono
    ridicoli.

    Magari fosse ancora il tempo in cui scrivevo
    senza accorgermene
    lettere d’amore
    ridicole.

    La verità è che oggi
    sono i miei ricordi
    di quelle lettere
    a essere ridicoli.

    (Tutte le parole sdrucciole,
    come tutti i sentimenti sdruccioli,
    sono naturalmente
    ridicole).

    RispondiElimina
  8. E poi metto questa, perché non mi piace affatto e quindi ogni tanto ben ci sta:

    Libertà - Fernando Pessoa

    Ma che piacere
    non compiere un dovere,
    avere un libro da leggere
    e non farlo!
    Che noiosa la lettura,
    che pochezza la cultura!
    Il sole splende senza letteratura.
    Il fiume scorre, bene o male,
    senza edizione originale.
    E la brezza che passa,
    naturale e mattiniera,
    sa che ha tempo, e non ha fretta...

    I libri sono carta inchiostrata.
    Lo studio è una cosa ove è indistinta
    la distinzione fra il niente e cosa alcuna.

    Quanto è meglio, se c’è bruma,
    aspettare Don Sebastiano,
    venga o non venga
    Grande è la poesia, la bontà e le danze...
    ma le cose migliori son l’infanzia,
    fiori, musica, chiardiluna, e il sole, che pecca
    solo se invece di nutrire secca...

    E ancor meglio di questo
    è Gesù Cristo,
    che non sapeva niente di finanze
    né consta che avesse biblioteca.

    RispondiElimina
  9. Mariateresa30/11/12, 18:18

    Nel cercare una poesia non ancora pubblicata su questo blog, mi accorgo di quante poesie meno note ma pur sempre belle ,abbia scritto Pessoa,come questa che si intitola
    Dubiti Amore Mio?
    Temi forse che la mia timidezza
    che viene dall’Amore, io non so come, sia
    indifferenza.. NO.. ah, non pensarlo!
    Io non ho l’osare ne’ l’ardore
    di certe donne, tremo di me stessa
    e del mio amore, e non lo so perchè….
    Ma ti amo…
    Se ti amo perchè dubiti di me?
    Ah Faust, se le parole
    possono portare in sè l’anima,
    se l’amore questo amore come io lo sento,
    lo si può dire senza tentennamenti,
    se quello che sento nell’animo a vederti
    nell’avvertire i tuoi passi, nel pensare
    a te, amore, a te; se gli sguardi, i baci
    possono palesare l’amore, tutto l’amore:
    devi credere che le mie parole, i miei baci,
    il mio sguardo hanno quell’amore.
    Se non riesco a gridare:
    amore, amore, ardentemente e smisuratamente,
    con la voce in fuoco,
    è perchè dentro di me nasce un pudore
    di dirlo troppo forte. (ma non credere
    che sia perchè ti amo poco, che invece
    è l’amarti molto, così come ti amo)
    Se non lo faccio, non dubitare, no..
    E più non so dire; non l’ho imparato,
    perchè l’amore non parla, non può
    raccontare se stesso, chè non sarebbe
    amore, o almeno questo amore che sento.
    Non so, non so dirtelo… Non dubitare!
    Forse fredda sembro agli occhi tuoi;
    ma non dubitare che soffra molto, molto
    perchè tu dubiti.
    F.Pessoa
    La dedico a tutti gli innamorati

    RispondiElimina
  10. Se qualcuno

    Se qualcuno un giorno bussa alla tua porta,
    dicendo che è un mio emissario,
    non credergli, anche se sono io;
    ché il mio orgoglio vanitoso non ammette
    neanche che si bussi
    alla porta irreale del cielo.
    Ma se, ovviamente, senza che tu senta
    bussare, vai ad aprire la porta
    e trovi qualcuno come in attesa
    di bussare, medita un poco. Quello è
    il mio emissario e me e ciò che
    di disperato il mio orgoglio ammette.
    Apri a chi non bussa alla tua porta.
    Sempre il magico Pessoa Ferdinando

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Poesia
      Nella mia mente è scolpita una poesia
      che esprimerà la mia anima intera
      La sento vaga come il suono e il vento
      eppure scolpita in piena chiarezza.
      Non ha strofa, verso né parola
      non è neppure come la sogno.
      E' un mero sentimento, indefinito,
      una felice bruma intorno al pensiero.
      Giorno e notte nel mio mistero
      la sogno, la leggo e riprovo a sillabarla,
      e sempre la parola precisa è sul bordo di me stesso
      come per librarsi nella sua vaga compiutezza.
      So che non sarà mai scritta.
      So che non so che cosa sia.
      Ma sono contento di sognarla,
      e una falsa felicità, benché falsa, è felicità.

      Elimina
  11. Ciao, mi chiamo Paola e vorrei chiedere se faccio bene a regalare due ebook alle mie figlie di 17 e 12 anni per Natale. Cosa ne pensate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personalmente amo il profumo della carta,mi piace guardare le copertine,maneggiare i libri con cura e penso che sarebbe giusto trasmettere ciò ai propri figli ,tuttavia bisogna tener conto della necessità di stare al passo con i tempi. infatti ,anch'io ricorro alla lettura di piccoli brani o di poesie, servendomi del Computer,ma mi stanco presto.
      Se pensi che le tue figlie leggerebbero di più,certamente fai benissimo,perchè la lettura è un grande arricchimento.Gli e-book risolvono alcuni limti dei computer infatti gli smart-phone o cellulari intelligenti hanno tra le molte funzioni anche quella di essere lettori di e-book,come l'iPhone di Apple che può contenere centinaia di e-book e consentirne la lettura in modo semplice e comodo. Un'altra soluzione potrebbe essere l'e-ink o inchiostro elettronico. Il più noto e-book reader con inchiostro elettronico è il Kindle di Amazon che arriverà presto in Italia. Lo schermo non è retro-illuminato come lo schermo di un computer o di un cellulare, ma è composto da microcapsule di vero e proprio inchiostro che vengono attivate elettronicamente. Quando si gira una pagina, questa viene letteralmente "stampata" sullo schermo ed è visibile solo se c'è luce, proprio come la stampa su carta. A differenza della carta, tuttavia, sullo stesso schermo possono essere stampate infinite pagine. E' come se si avesse un unico magico foglio di carta su cui possono essere stampate le pagine anche di migliaia di libri.

      Elimina
    2. Non ho nulla contro gli e-book, ma personalmente non rinuncerò mai all'odore dei libri, come non potrei mai rinunciare a tenerne uno o due in borsa, come faccio da decine di anni. Mi piace entrare nelle librerie, mi piace sbirciare i libri che altri stanno leggendo. I libri sono la prima e forse unica cosa che guardo quando entro in una casa. A volte, quando leggo poesie o romanzi in lingua originale, ne tengo aperti due o tre contemporaneamente. Mi piace spostare i miei libri, riordinarli, riprenderli e maneggiarli. Non li presterei mai a nessuno. Questi riti non me li darà mai un e-book! Ma io sono io, e sono comunque sicura che le tue figlie apprezzeranno un regalo tecnologico... che presto sostituirà tutti i testi scolastici! Ciao

      Elimina
  12. Leve, breve, suave,
    Um canto de ave
    Sobe no ar com que principia
    O dia.
    Escuto e passou...
    Parece que foi sò porque escutei
    Que parou.

    Lieve, breve, soave,
    un canto d'uccello
    sale nell'aria con cui principia
    il giorno.
    Ascolto ed è svanito...
    Sembra che solo perché l'ascoltai
    s'è fermato.

    FERNANDO PESSOA.

    Ammetto, ho impiegato parecchio a trovare una strofa, un brano da copiare e che mi piacesse condividere. Ci sono cose di lui che mi piacciono davvero molto, e altre un po' meno. Lo trovo freddo, distaccato, di rado emotivamente coinvolto. E mai trascinante!

    RispondiElimina
  13. Tuttavia, tuttavia,
    riuscisti
    a prendermi un po’ il cuore.
    È un cuore triste
    e non
    si intende con tutto
    né ha modi
    per farsi amare
    o per immaginarlo.
    Salvo quando
    il tuo sguardo
    ostinatamente dolce
    mi faceva saltare
    il cuore in petto.
    Ove andavo io?
    Già lo scordavo.
    Sì, il mio cuore fu tuo
    in quel giorno o in un altro...
    Neanche vi fosse altra terra o cielo
    qualcosa sarebbe accaduto.


    Fernando Pessoa

    L'ho vista sul web e l'ho riconosciuta come mia, perchè ad ognuno di noi, a volte, capita di incontrare una persona e per un attimo appartenergli.

    RispondiElimina
  14. Ringrazio Giorgia per la segnalazione:

    ALTROVE - FERNANDO PESSOA

    Andiamo via, creatura mia,
    via verso l'Altrove.
    Lì ci sono giorni sempre miti
    e campi sempre belli.
    La luna splende su chi
    là vaga contento e libero
    ha intessuto la sua luce con le tenebre
    dell'immortalità.
    Lì si cominciano a vedere le cose,
    le favole narrate sono dolci come quelle non raccontate,
    là le canzoni reali-sognate sono cantate
    da labbra che si possono contemplare.
    Il tempo lì è un momento d'allegria,
    la vita una sete soddisfatta,
    l'amore come quello di un bacio
    quando quel bacio è il primo.
    Non abbiamo bisogno di una nave, creatura mia,
    ma delle nostre speranze finché saranno ancora belle,
    non di rematori, ma di sfrenate fantasie.
    Oh, andiamo a cercar l'Altrove

    RispondiElimina
  15. Ah, um Soneto... - Álvaro de Campos (eteronimo di Pessoa)

    Meu coração é um almirante louco
    que abandonou a profissão do mar
    e que a vai relembrando pouco a pouco
    em casa a passear, a passear ...

    No movimento (eu mesmo me desloco
    nesta cadeira, só de o imaginar)
    o mar abandonado fica em foco
    nos músculos cansados de parar.


    Há saudades nas pernas e nos braços.
    Há saudades no cérebro por fora.
    Há grandes raivas feitas de cansaços.


    Mas — esta é boa! — era do coração
    que eu falava... e onde diabo estou eu agora
    com almirante em vez de sensação? ...

    Ah, un sonetto - Álvaro de Campos (eteronimo di Fernando Pessoa)

    Il mio cuore è un ammiraglio pazzo
    che ha abbandonato il mestiere del mare
    e lo va ricordando a poco a poco
    mentre cammina dentro casa avanti e indietro...

    Nella sua agitazione (io stesso mi muovo
    su questa sedia, al solo immaginarlo)
    il mare abbandonato resta a fuoco
    nei muscoli stanchi di star fermi.

    Ci sono nostalgie nelle gambe e nelle braccia.
    Ci sono nostalgie nel cervello che traboccano fuori.
    Ci sono grandi rabbie fatte di stanchezze.

    Ma - questa è bella! - parlavo del cuore...
    e dove diavolo mi trovo adesso
    con un ammiraglio al posto della sensazione?...

    Mille grazie a Baku & Friends!

    RispondiElimina
  16. Maria Grazia20/12/13, 17:37

    Personalità complessa e singolare, Pessoa spesso si firma come Álvaro de Campos, come in questa brevissima composizione basata tutta sul tema dell'inquietudine che il viaggio procura.

    Nunca, por mais que viaje - Álvaro de Campos

    Nunca, por mais que viaje, por mais que conheça
    O sair de um lugar, o chegar a um lugar, conhecido ou desconhecido,
    Perco, ao partir, ao chegar, e na linha móbil que os une,
    A sensação de arrepio, o medo do novo, a náusea —
    Aquela náusea que é o sentimento que sabe que o corpo tem a alma,
    Trinta dias de viagem, três dias de viagem, três horas de viagem —
    Sempre a opressão se infiltra no fundo do meu coração.

    +++++++++++

    Mai, per quanto viaggi - Álvaro de Campos (eteronimo di Pessoa)
    traduzione di Antonio Tabucchi

    Mai, per quanto viaggi, per quanto conosca
    l'uscire da un luogo, l'arrivare a un luogo, noto o ignoto,
    perdo, alla partenza, all'arrivo, e nella linea mobile che li unisce,
    la sensazione di brivido, la paura del nuovo, la nausea -
    quella nausea che è il sentimento che sa che il corpo ha l'anima.
    Trenta giorni di viaggio, tre giorni di viaggio, tre ore di viaggio -
    sempre l'oppressione si infiltra in fondo al mio cuore.

    RispondiElimina
  17. «Nella casa di fronte a me e ai miei sogni» – Fernando Pessoa
    di tittideluca

    Nella casa di fronte a me e ai miei sogni,
    che felicità c’è sempre!

    Vi abitano persone sconosciute che ho già visto ma non ho visto.

    Sono felici, perché loro non sono io.

    I bambini, che giocano sugli alti terrazzini,
    vivono tra vasi di fiori,
    eternamente, senza dubbio.

    Le voci che salgono dall’intimità domestica
    cantano sempre, senza dubbio.
    Sì, devono cantare.

    Quando è festa qua fuori, è festa là dentro.
    E così deve essere laddove tutto si adatta -
    l’uomo alla Natura, perché la città è Natura.

    Che grande felicità non essere io!

    Ma non penseranno così anche gli altri?
    Quali altri? Non ci sono altri.
    Quanto pensano gli altri è una casa con la finestra chiusa,
    o se si apre,
    è perché i bambini possano giocare sul terrazzo inferriato,
    tra i vasi di fiori che non ho mai visto quali fossero.

    Gli altri non sentono mai.
    Chi sente siamo noi,
    sì, tutti noi,
    perfino io, che ora non sento più nulla.

    Nulla? Non so…
    Un nulla che fa male…

    16 giugno 1934
    (Traduzione di Antonio Tabucchi)

    da “Poesie di Álvaro de Campos”, Adelphi Edizioni, 1993

    ***

    «Na casa defronte de mim e dos meus sonhos»

    Na casa defronte de mim e dos meus sonhos,
    Que felicidade há sempre!

    Moram ali pessoas que desconheço, que já vi mas não vi.
    São felizes, porque não são eu.

    As crianças, que brincam às sacadas altas,
    Vivem entre vasos de flores,
    Sem dúvida, eternamente.

    As vozes, que sobem do interior do doméstico,
    Cantam sempre, sem dúvida.
    Sim, devem cantar.

    Quando há festa cá fora, há festa lá dentro.
    Assim tem que ser onde tudo se ajusta —
    O homem à Natureza, porque a cidade é Natureza.

    Que grande felicidade não ser eu!

    Mas os outros não sentirão assim também?
    Quais outros? Não há outros.
    O que os outros sentem é uma casa com a janela fechada,
    Ou, quando se abre,
    É para as crianças brincarem na varanda de grades,
    Entre os vasos de flores que nunca vi quais eram.

    Os outros nunca sentem.
    Quem sente somos nós,
    Sim, todos nós,
    Até eu, que neste momento já não estou sentindo nada.

    Nada? Não sei…
    Um nada que dói…

    Fernando Pessoa

    de “Álvaro de Campos, Poesia”, Assírio & Alvim, Lisboa, 2002

    RispondiElimina
  18. "Ci sono persone sporche che detestano la loro sporcizia ma non se ne allontanano per quell'attrazione dell'abisso grazie al quale chi è terrorizzato non si allontana dal pericolo. Esistono persone sporche di destino, come me, che non si allontanano dalla trivialità quotidiana per il medesimo fascino che provano per la propria impotenza. Sono uccelli ammaliati dall'assenza di un serpente; mosche che volano cieche sui rami fino ad arrivare alla portata della lingua vischiosa del camaleonte. Così porto a spasso lentamente la mia consapevole inconsapevolezza sul mio ramo d'albero dell'abitudine. Così porto a spasso il mio destino che avanza senza che io avanzi; e il mio tempo che procede senza che io proceda. E niente mi salva dalla monotonia, se non questi brevi commenti che tesso intorno a lei."
    Il libro dell'inquietudine - Fernando Pessoa

    Grazie a Libreria Post Office

    RispondiElimina